Agropoli, i rilievi dell’ARPAC promuovono il mare di Agropoli. Soddisfazione del sindaco Coppola e dell’assessore Benevento

agropoli-trentova

Il mare di Agropoli è “eccellente”. Lo certifica la Regione Campania, con una nota pubblicata sul BURC numero 101/2018. Nella stessa, a classificazione della qualità delle acque di balneazione per l’anno 2018, effettuata dall’ARPAC, le acque del mare di Agropoli sono catalogate della migliore qualità possibile. «Ancora un riconoscimento per il nostro mare – affermano all’unisono il sindaco Adamo Coppola e assessore al Porto e Demanio, Eugenio Benevento. Dai riscontri dei rilievi svolti dall’ARPAC, apprendiamo che per l’intero litorale agropolese, compresa l’area della spiaggia della Marina, la classificazione è eccellente. Rimanendo sempre attenti e sensibili alle problematiche del nostro territorio, abbiamo la consapevolezza che il mare rimane la risorsa vitale per la nostra città».

C.S.

Cilento, Novembre come Settembre, cittadini e turisti baciati dal sole

spiaggia-agropoli-trentova
Il 10 Novembre in diverse località costiere del Cilento c’è stato chi ha approfitatto degli ultimi tuffi a mare: ciò grazie alle belle giornate e alle temperature gradevoli del periodo. Infatti ieri le spiagge di Agropoli, Castellabate, Paestum e di molte altre località del litorale cilentano sono state invase da bagnanti che hanno deciso di godersi ancora un pò d’aria di mare all’insegna del relax e del sole come se fosse ancora piena estate. Non si sono fatti spaventare dalle temperature del mese di Novembre con valori anomali visto il periodo e il sopraggiungere della stagione invernale ormai prossima. Addirittura c’è stato chi si è attrezzato per il pranzo all’aria aperta. E’ stata una domenica di San Martino quasi estiva, oltre che un modo per riposare e staccare dagli studi o dal lavoro. Molti ne hanno approfittato anche per una piacevole passeggiata o per gustare un gelato. Sembra che avremmo ancora l’opportunità di godere di questo sole considerato che anche per i prossimi giorni sono previste temperature oltre la media del periodo.

REDAZIONE

Agropoli, ottima qualità del mare di Agropoli: il risultato da un progetto di alternanza scuola-lavoro dell’I.I.S. “Vico-De Vivo”

agropoli-trentova-riqualificazione
Gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Vico-De Vivo” di Agropoli sono stati impegnati in un progetto di alternanza scuola–lavoro che li ha visti impegnati nel monitoraggio chimico e microbiologico delle acque costiere cilentane. Relativamente ad Agropoli, dal referto è emerso che i parametri chimici, chimico-fisici e microbiologici rilevati sono tutti entro i limiti fissati dalla normativa vigente sulle acque di balneazione e che le stesse «possono essere considerate di ottima qualità e sicure per la balneazione». Gli analisti sono stati gli allievi delle classi terza e quarta dell’indirizzo Chimica e Materiali. I docenti tutor scolastici sono stati: Prof.ssa Patrizia Coluzzi – Prof.ssa Paola Ristuccia; i tutors aziendali: Dott. Giuseppe Strifezza – Dott.ssa Maria Rosaria Trofa; gli assistenti tecnici: Cinzia Perrotti e Michele Giannella. L’attività analitica è stata eseguita nei laboratori di chimica analisi strumentale e di microbiologia dell’istituto scolastico, e nei laboratori della struttura ospitante, Gruppo Atis Società cooperativa di Bellizzi. Il percorso formativo è stato in parte finanziato con fondi europei, nell’ambito del progetto “Gestire l’Ambiente, il Territorio ed il suo Patrimonio” – Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro. «Non avevamo dubbi – affermano all’unisono il Sindaco Adamo Coppola e l’Assessore al Porto e Demanio, Eugenio Benevento – sullo stato delle acque del nostro mare. Un progetto senz’altro interessante, quello dell’Istituto “Vico-De Vivo” che si unisce al piano di monitoraggio costante da noi messo in campo per salvaguardare e preservare il nostro bene più prezioso, il mare».

C.S.

Camerota, dall’1 al 15 giugno la ‘Cultura viene dal Mare’

 

la_cultura_viene_dal_mare

Rievocazioni, giornate dedicate al ricordo, gare sportive internazionali, rappresentazioni teatrali, lezioni di storia, escursioni in barca, serate culinarie e tanto altro. Camerota diventa culla della Cultura. La prima metà del mese di giugno è un calendario ricco di eventi e appuntamenti di ogni genere.

Due settimane molto interessanti. L’Assessore Teresa Esposito, delegata alla Cultura, all’Area Marina Protetta e al Porto, ha messo insieme – con l’aiuto di diverse associazioni e cooperative del territorio – un calendario di eventi variegato che ha già raccolto l’adesione e la curiosità di turisti e cittadini. Si parte l’1 giugno con il ‘Giro d’Italia in Apnea’, a cura dell’associazione sportiva ‘Apnea Porto Infreschi’. Sempre nello stesso giorno si terrà la commemorazione della tragedia delle Strambaie. Nel giorno dell’anniversario della strage ci sarà l’affissione e la benedizione della lapide alla Cala del Marcellino.

Il 2 giugno parte la ‘Camerota Sailing Week Veladay’, promozione dello Sport della Vela a cura dell’associazione ‘Regata delle Torri Saracene’ affiliata alla Federazione italiana vela e in collaborazione con l’Asd Cilento a Vela. L’iscrizione è gratuita. Il 3 giugno ancora sport con l’arrivo della Regata delle Torri Saracene, campionato italiano offshore. Alle 19.30 l’accoglienza dei regatanti con rinfresco offerto da ‘Cosentino Il Fornaio’. Alle 20.30 la proclamazione dei vincitori e il buffet cilentano a cura dei ristoratori del Comune di Camerota.

«Il mio obiettivo è quello di dedicare due settimane alla valorizzazione e alla fruizione del mare a 360 gradi – ha dichiarato l’Assessore Esposito -. Nel nostro mare e nella nostra Area Marina Protetta si possono fare tante attività, dall’apnea alla vela, dagli spettacoli con le sirene alle visite guidate. Il calendario si arricchisce anche di storia e cultura, con l’assalto alle torri da parte dei ‘Saraceni’, elementi che contraddistinguono la costa. La mia prerogativa è unire tutti gli operatori del mare per uno scopo unico: la promozione della nostro mare e dell’area Marina Protetta degli Infreschi e della Masseta».

Dal 4 al 10 giugno la ‘Blu med week’, una settimana immersi nel blu del mare di Camerota organizzata dall’Apnea Porto Infreschi. Sempre il 4 giugno visite guidate al Museo Virtuale e alla Grotta della Cala. Per prenotazioni è necessario contattare il 349.2747575. Dal 5 al 7 giugno ‘inGulfRace’. Mentre il 6 giugno l’associazione ‘Urban&Trekking’ organizza una giornata di cammino esplorando i sentieri di Camerota (per prenotazioni 346.5275045). In serata, alle ore 20.00, la gara culinaria con piatti cucinati dai regatanti a bordo delle imbarcazioni.

«Esistono diverse forme di turismo, alcune questo posto non le ha mai conosciute ma siamo ancora in tempo e a noi spetta il compito di portare qualcosa di diverso, di unico a Camerota – spiega il delegato al Turismo Domingo Ciccarino -. Allargare l’offerta turistica è uno degli obiettivi che questa Amministrazione si è prefissata fin dal primo giorno. Lavoriamo costantemente in questa direzione e i frutti, seppur in poco tempo, si possono già raccogliere».

L’8 giugno rievocazione storica dell’Assalto alle Torri. Per la regia di Catello Balestrieri in collaborazione con le compagnie teatrali ‘La Bottega del Sorriso’ e de ‘ I Triatisti’. Alle 20.30 ci sarà la premiazione della Prova di Campionato Italiano Offshore C.Mare/Camerota. A seguire spettacolo musicale e spaghettata e frittura di pesce a cura delle cooperative di gite in barca. Il 9 giugno la conclusione della Camerota Sailing Week. Con partenza della regata Marina di Camerota/C.Mare di Stabia (prova 3 RTS 2018 – Calendario Nazionale Vela d’Altura) e Marina di Camerota/Vibo Valentia (prova 4 RTS 2018 – Calendario Nazionale Vela d’Altura).

Dal 10 al 16 giugno l’inusuale ‘Corso di Sirena’, una chicca molto curiosa e divertente curata da Fias – Diving Continente Blu di Marina di Camerota. Il 12 giugno alle 10.00, la danza delle sirene nelle acque dell’area Marina Protetta. Le cooperative accompagneranno gli ospiti e i turisti. Il 15 giugno alle 21.00, invece, la danza delle Sirene nelle acque al di sotto dell’albergo Tirreno tra musiche e luci. Le cooperative accompagneranno gli ospiti e i turisti anche in questo caso.

Il 23 giugno si chiude con una serata dedicata al ‘Premio Inula’, concorso artistico-letterario ideato e organizzato dall’associazione ‘Tuttinsieme’.

C.S.

Agropoli, una statua raffigurante la Madonna sul fondale marino: la proposta dell’ass.”A.S.D. Diving Yoghi”

 

190825210-3731415f-0ba5-46d7-8dcb-88e891b868bd

La collocazione di una statua raffigurante la Madonna a circa 16 metri di profondità su un piedistallo di circa 1 metro nelle acque del mare della città di Agropoli: si tratta della particolare novità che l’associazione “A.S.D. Diving Yoghi” intende realizzare presentando richiesta di patrocinio al comune agropolese per l’organizzazione dell’evento. “A.S.D. Diving Yoghi” è un associazione volta alla formazione subacquea, alla salvaguardia del territorio e alla promozione turistica. La statua di pietra e marmo e dell’altezza di 1.80 metri, verrà collocata per la metà del mese di Giugno nello specchio acqueo antistante lo scoglio di San Francesco a 130 metri di distanza dalla costa.La medesima iniziativa farebbe leva in modo particolare sul settore turistico, suscitando non solo l’interesse degli appassionati di mare e di immersioni, ma anche di tutti coloro incuriositi dall’idea. Ecco perchè l’Amministrazione Comunale è ben intenzionata a sposare l’iniziativa, coerente con le politiche di promozione turistica intraprese dalla stessa e considerata anche l’attenzione riservata alle Associazioni dedite alla salvaguardia del territorio e alla promozione e valorizzazione delle risorse naturalistiche. Inoltre l’Ente Comunale sostiene l’associazionismo cittadino quale leva di crescita sociale e culturale del territorio comunale, promuovendo forme di sinergia per la realizzazione delle diverse attività. La manifestazione si terrà il giorno 17 Giugno in mattinata nel corso della quale la statua giungerà nello specchio d’acqua antistante lo scoglio di San Francesco su un peschereccio. Dopodichè verrà collocata dai sub sul fondale marino. La madonnina si chiamerà Madonna del Subacqueo.

 

Agropoli, il mare di Agropoli è eccellente secondo le analisi Arpac


Le analisi Arpac hanno certificato che la qualità dell’acqua del mare di Agropoli è eccellente. Tale risultato è stato ottenuto per tutti e cinque i punti di prelievo: dal litorale di San Marco passando per la spiaggetta del porto e proseguendo verso Trentova. Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco Adamo Coppola: “siamo felici di poter constatare che l’impegno profuso in termini di depurazione e attenzione alla salubrità del nostro mare viene premiata. C’è ancora tanto da fare e da migliorare, ma ce la stiamo mettendo tutta. Intanto – conclude – colgo l’occasione per invitare i turisti a scegliere Agropoli per trascorrere le loro vacanze: la Città dove l’accoglienza è di casa”.

C.S.

Camerota, il mare di Camerota tra i più puliti d’Italia: lo dice l’Arpac

 

arpac camerota

L’estate è ormai alle porte. A Camerota i più coraggiosi hanno già inaugurato la nuova stagione turistica tuffandosi nelle acque cristalline del litorale. Le strutture balneari prendono forma lungo i chilometri di spiagge che si estendono dalla foce del fiume Mingardo fino alla spiaggia di Lentiscella. In concomitanza con le belle giornate, con le temperature che aumentano giorno dopo giorno, iniziano i controlli della qualità delle acque marine da parte dell’Arpac (Agenzia Regionale protezione ambientale Campania). Ottimo il primo campionamento. Il mare di Marina di Camerota si conferma uno dei più puliti del Cilento e d’Italia. Massima soddisfazione espressa dall’Amministrazione Comunale di Camerota e dal Sindaco, Mario Salvatore Scarpitta.

C.S.

Ambiente, lotta all’inquinamento: scoperto per caso un enzima in grado di combattere la plastica

 

In-un-mare-di-plastica-2
Importanti risultati nella lotta per lo smaltimento dei rifiuti: infatti alcuni scienziati americani e inglesi hanno modificato accidentalmente una proteina producendo così un enzima artificiale in grado di consumare in maniera efficiente più plastica di quella presente in natura. La nuova scoperta, fatta mentre il team di esperti stava esaminando la struttura di un enzima trovato in un centro di riciclaggio dei rifiuti alcuni anni fa in Giappone, potrà essere utilizzata per contrastare il problema dell’inquinamento nel mondo, in particolare quello dei mari. Infatti ogni anno sono più di otto milioni di tonnellate di plastica a finire negli oceani di tutto il mondo, con rischi per la salute delle persone e dell’ambiente. Si assiste di continuo infatti a scenari come rifiuti di spazzatura che invadono spiagge e fondali. Dunque il nuovo enzima potrebbe essere un primo importante passo per risolvere o quanto meno ridurre il problema. Stesso discorso per quanto riguarda realtà più vicine. Basti pensare che solo in Campania Legambiente ha monitorato nello scorso mese di maggio 25 spiagge per un totale di 69mila metri quadrati, rilevando una media di 686 rifiuti ogni 100 metri lineari di spiaggia per un totale di 17.161 rifiuti spiaggiati. Dei rifiuti rinvenuti, il 78% riguarda materiale in plastica. Tanti sono i gruppi di volontari nel Cilento che, impegnati nella tutela dell’ambiente, ogni anno si organizzano per la pulizia delle spiagge ritrovando sui litorali grandi quantità di rifiuti di plastica e non solo. Spesso tra le tante iniziative vengono coinvolti anche gli istituti scolastici per sensibilizzare al problema in particolare i più piccoli.

REDAZIONE