Castellabate, pannelli informativi per il porto di San Marco alla scoperta dell’Area Marina Protetta

 


Grazie alla campagna di comunicazione sulle Aree Marine Protette promossa dal Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, solo pochi giorni fa il porto di San Marco di Castellabate è stato arricchito con pannelli informativi che accompagnano il visitatore alla scoperta dell’Area Marina Protetta di Santa Maria di Castellabate. Quest’ultima comprende una zona incontaminata in corrispondenza del promontorio del Tresino e quello di Licosa ed è situata nelle zone di tutela del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Le acque di queste aree rappresentano una risorsa naturalistica di grandissimo valore, fonte di biodiversità. Tra l’altro l’intero litorale è ricco di reperti archeologici: infatti sotto la superificie è presente una vera e propria città sottomarina con resti di un antico molo romano. Tutto questo viene illustrato attraverso delle immagini e alcune informazioni su appositi pannelli informativi grazie ai quali i turisti hanno la possibilità di conoscere le particolarità dell’area come la flora e la fauna del posto, acquisire informazioni sulla Madonna degli Abissi e l’isola di Licosa, conoscere la storia dell’antico porto greco-romano. Un mix di natura, storia e tradizioni che dà modo al turista, una volta giunto sul posto, di acquisire le principali informazioni sulla località tutta da scoprire. Tra l’altro solo poco tempo fa il progetto di riqualificazione del porto di San Marco è stato candidato all’avviso pubblico della Regione Campania che prevede appunto lo stanziamento di fondi per la messa in sicurezza e il potenziamento dei porti campani.

ANNA LAURITO

Agropoli, in programma un progetto per riqualificare l’attuale bacino del porto turistico

 

agropoli-porto
Considerato che con una deliberazione di Consiglio Comunale del 12 Aprile 2018 è stato approvato il Programma Triennale 2018-2020 nel quale vi è inserito l’intervento denominato Riqualificazione e potenziamento del porto turistico per un importo di circa 25.000.000,00, di euro, l’amministrazione comunale di Agropoli retta dal sindaco Adamo Coppola ha invitato l’ufficio tecnico comunale a rivisitare tale progetto di fattibilità provvedendo all’adeguamento dei costi. Ciò con l’intento di partecipare alla manifestazione di interesse relativa alla messa in sicurezza e potenziamento dei porti regionali. Così l’ufficio lavori pubblici del comune di Agropoli ha redatto lo studio di fattibilità tecnica ed economica per la “Riqualificazione dell’attuale bacino del porto turistico di Agropoli” per l’importo complessivo di circa € 39.000.000,00 a firma dell’ing. Agostino Sica responsabile dell’area lavori pubblici, manutenzione, porto e demanio. Ma al fine di concorrere all’accesso ai fondi comunitari previsti dalla Programmazione Regionale del POR Campania FESR 2014-2020, è necessario che la Giunta Municipale proponga al Consiglio Comunale la modifica del Programma Triennale 2018-2020 per la sola parte relativa all’importo di tale intervento già previsto. Perciò occorre individuare quale RUP dell’intervento il funzionario della stessa area lavori pubblici geom. Sergio Lauriana, che dovrà adottare gli atti di competenza per la redazione delle successive fasi progettuali e la cantierabilità del progetto mediante l’acquisizione dei relativi pareri o autorizzazioni da parte degli Enti preposti. Tutto questo per risolvere le problematiche attuali del porto della città di Agropoli e migliorarne la funzionalità attraverso interventi di riconfigurazione del layout e dei moli foranei.

REDAZIONE

Agropoli, ecco le tariffe giornaliere dei posti di ormeggio nel porto turistico per l’anno 2018

porto-di-agropoli
Sono state rideterminate le tariffe giornaliere dei posti di ormeggio per l’anno 2018 nella zona di transito del porto turistico della città di Agropoli. Ciò in ragione del fatto che l’importo relativo alle tariffe di assegnazione dei posti barca nonché i tempi e le modalità di pagamento, vengono determinati annualmente con deliberazione della Giunta Comunale. L’intento è quello di offrire ai titolari dei posti barca servizi più qualificati in termini di sorveglianza e assistenza. Qualora invece pervenissero richieste di ormeggio da parte di associazioni o enti no profit, la giunta comunale si riserva di assegnare l’ormeggio in maniera gratuita ove i presupposti lo prevedano. Per tutte le imbarcazioni appartenenti dalla classe A fino alla classe G il posto di ormeggio è gratuito per le prime 24 ore. Oltre le 24 ore invece, per ogni categoria di imbarcazione è prevista una specifica tariffa. Per quelle appartenenti alla classe A (fino a 7 metri di lunghezza), la quota è pari a 40,00 euro; per la classe B (da 7 a 9 metri) la tariffa è di 50,00 euro; per le imbarcazioni di classe C invece (dai 9 ai 10 metri di lunghezza) è prevista una tariffa pari a 60,00 euro; di 70,00 euro è invece la quota per le imbarcazioni di classe D (dai 10 ai 12 metri); per la classe E (con lunghezza compresa tra i 12 e i 14 metri) la tariffa è pari a 80,00 euro; per le imbarcazioni di classe F (dai 14 ai 15 metri) è prevista una quota di 90,00 euro e infine per quelle di classe G (con lunghezza compresa tra i 15 e i 20 metri) spetta una tariffa pari a 100,00 euro. La quota fissa per l’assistenza all’ormeggio è invece di 5,00 euro. La durata massima è di 72 ore, rinnovabili per un ulteriore periodo di pari durata nei casi di avaria all’unità o per giustificati e comprovati motivi di sicurezza della navigazione.

REDAZIONE

Camerota, via i vecchi «panettoni» dal porto: partono i lavori per il restyling

porto_camerota_2

Una gru ha rimosso i vecchi «panettoni» in cemento. Ora sono pronti per essere trasportati in un deposito comunale. Via anche i cestini per la spazzatura e alcune fioriere. L’Amministrazione Comunale di Camerota, guidata dal Sindaco Mario Salvatore Scarpitta, ha dato il via ai lavori di restyling sul porto turistico della frazione Marina. Grazie al contributo della società che gestisce il porto, la Camerota Yachting Service, e il lavoro dell’Assessore Teresa Esposito, delegata al Porto, del Consigliere delegato all’Ambiente, Josè Saturno, e della delegata al Decoro Urbano, Mariateresa Reda, si sta provvedendo a sostituire le vecchie opere con arredi nuovi di zecca.

Un design molto più moderno, che si sposa bene con la passeggiata, una delle più frequentate nel periodo estivo, ma non solo. Cestini e fioriere, poi paletti e barriere: l’inizio dei lavori ha già destato curiosità in paese. La società portuale, oltre a fornire l’arredo, ha già incrementato i servizi del Porto con l’installazione di una linea wifi, la meccanizzazione dei cancelli d’accesso ai pontili, la creazione di un’app dalla quale è possibile prenotare il posto barca e conoscere il porto, e tante altre novità.

«Il processo di risistemazione del porto di Marina di Camerota parte da lontano – fa sapere il Sindaco Mario Salvatore Scarpitta – con l’organizzazione degli ormeggi per dare la possibilità ad ogni imbarcazione di avere il proprio posto, con l’inaugurazione del circolo dedicato agli anziani pescatori, con la messa in sicurezza del molo di sottoflutto e l’installazione della sbarra per vietare l’ingresso alle auto e consentire l’accesso solo agli addetti ai lavori e ai pescatori. Abbiamo incontrato tante volte gli operatori del mare e i pescatori, come non si era mai fatto prima. Con l’Assessore Esposito, delegata al Porto, ci siamo impegnati anche per sistemare la situazione dei locali del mercato ittico, che presto verranno destinati, in modo regolare e trasparente, ai vari pescatori che li utilizzeranno come magazzino. Siamo andati tante volte in Regione Campania – continua Scarpitta – riuscendo ad ottenere risultati importanti che sveleremo a breve. Si è proceduto ad affidare i pontili ad una società che sta dimostrando impegno e senso del dovere verso la nostra cittadina».

«Il porto deve diventare il salotto di Marina di Camerota – afferma Teresa Esposito, Assessore delegata al Porto, alla Cultura e all’Area Marina Protetta – ringrazio la società ‘Camerota Yachting Service’ per il lavoro che sta portando avanti a 360 gradi. La nostra collaborazione è sinonimo di grande senso di responsabilità. Nei prossimi giorni, oltre a tutto quello elencato dal Sindaco, apriremo i battenti dell’ufficio turistico, un gioiellino a disposizione dei turisti che vorranno conoscere meglio il nostro meraviglioso territorio attraverso gite in barca, escursioni lungo la costa, passeggiate trekking e visite nei centri storici delle frazioni interne. Il restyling era necessario, dopo tanto tempo qualcosa andava fatta».

C.S.

Camerota, l’Amministrazione Scarpitta sblocca i fondi Feamp per il porto di Marina di Camerota: arrivano 900 mila euro

 

79500775

Non è stato semplice perché dietro questo ritardo amministrativo si nasconde una vicenda di contributi non versati dall’Ente allo Stato. L’Amministrazione Comunale di Camerota, guidata dal Sindaco Mario Salvatore Scarpitta, ha dovuto analizzare e verificare l’esposizione del debito e proporre una soluzione tecnico amministrativa. Solo dopo tutto questo, la Regione Campania, con la nota 0249747 protocollata lo scorso 17 aprile, ha rilasciato il Decreto di Concessione di 901.438,20 euro per il completamento dei lavori già avviati con il primo lotto e che ora dovranno completarsi con questo nuovo decreto che prevede il cofinanziamento del 50% Comunità Europea, del 35% dello Stato ed il restante 15% da parte della Regione Campania. I lavori – come tiene a sottolineare l’Assessore al Porto Teresa Esposito – prevedono interventi di sistemazione di vario genere: dal piazzale di alaggio e rimessaggio ad interventi di sistemazione degli ormeggi e della banchina di sopraflutto del Porto. «Grande soddisfazione per l’ennesimo risultato raggiunto – commenta il primo cittadino di Camerota Mario Salvatore Scarpitta – continua così il restyling del Porto di Marina di Camerota. L’Amministrazione lavora anche in vista della prossima stagione turistica che è ormai alle porte. Entro la prima decade di giugno, infatti, sul porto cittadini e turisti avranno la possibilità di notare diversi cambiamenti».

C.S.

Agropoli, “Campionato Italiano Canoa Polo Serie Under 18”: dal 18 al 22 Aprile 

AGROPOLI CAMPIONATO CANOA POLO
Agropoli sempre più città dello Sport. E’ prevista infatti dal 18 al 22 Aprile 2018 il “Campionato Italiano Canoa Polo Serie Under 18” per la quale il Presidente del Circolo Canottieri di Agropoli ha fatto richiesta dell’installazione di un campo di gara nello specchio d’acqua in concessione al comune di Agropoli. Per l’occasione ci sarà la presenza di personale addetto alla pulizia e al controllo dei bagni e delle docce posizionate nel retro della palazzina servizi presso il porto turistico di Agropoli e sarà possibile utilizzare l’area verde presente all’interno del porto in modo da poter posizionare in piena sicurezza le canoe dei partecipanti. La manifestazione sportiva ha interesse nazionale e prevede un notevole afflusso sia di partecipanti alla gara che di spettatori. Diversi sono stati i successi ottenuti lo scorso dal Circolo Canottieri Agropoli. Tra gli eventi sportivi più significativi spicca il Campionato Regionale a Lorica, nel cuore del Parco della Sila in Calabria, durante la scorsa estate, che ha visto il Circolo Canottieri Agropoli raccogliere ben tredici medaglie ai Campionati Regionali Calabresi.

REDAZIONE

Agropoli, un sollevatore per disabili su uno dei pontili comunali 

AGROPOLI SOLLEVATORE PER DISABILI
Nuove agevolazioni per le persone diversamente abili: infatti l’amministrazione comunale della città di Agropoli ha intenzione di dotare uno dei pontili comunali al porto di un posto barca riservato per l’installazione di attrezzatura “sollevatore con imbracatura”, per permettere alle persone diversamente abili, con l’aiuto di operatori, di usufruire agevolmente delle imbarcazioni. Si tratta del nuovo provvedimento che il comune di Agropoli intende realizzare, compatibilmente con le risorse finanziarie, considerato anche che lo stesso è titolare della concessione demaniale marittima, composta da 4 pontili in cemento e da 2 pontili galleggianti, rilasciata dalla Regione Campania al fine di mantenere un specchio acqueo destinato all’ormeggio di natanti e imbarcazioni da diporto. Spetterà poi al Responsabile dell’Area Lavori Pubblici Tecnico Manutentiva – Porto e Demanio adottare tutti i provvedimenti necessari alla messa in opera del suddetto progetto. Tra l’altro è di soli pochi giorni la notizia che l’ente comunale di Agropoli ha messo a disposizione una somma pari a 30.000 euro per garantire il diritto allo studio agli alunni con disabilità che vivono una particolare situazione di disagio.

ANNA LAURITO

Castellabate, stato di degrado impianto di sollevamento zona porto: segnalazione del consigliere Lo Schiavo

 


Segnalazioni da parte del cosigliere di minoranza del comune di Castellabate Alessandro Lo Schiavo in merito allo stato di degrado in cui versa l’impianto di sollevamento sito presso il porto a S.Marco di Castellabate. “Segnalo lo stato di degrado dell’impianto di sollevamento presso il porto a S.Marco – spiega il il consigliere – siamo in presenza di un acqua stagnante, putrida, che genera ogni tipo di pensiero in chi di li passa a piedi come in macchina – continua Lo Schiavo – Siamo al porto , vetrina del paese, dove sono presenti strutture turistiche di una certa rilevanza, dove c’è il mare a pochi passi, dove la gente passeggia ed assistere a questa quotidiana indecenza lascia perplesso chi vi scrive e la stragrande maggioranza dei cittadini e turisti che osservano in silenzio”. Infine il consigliere di opposizione conclude chiedendo di adottare dei provvedimenti atti a risolvere il problema:”dare una sistemata, rimuovendo con un’ autobotte quell’acqua stagnante e quel fogliame presente, è un’ operazione che non necessita di particolari permessi ed autorizzazioni. Pertanto chiedo un intervento repentino”.

REDAZIONE