Campania, promozione del cinema: finanziati 49 progetti per 1 milione e 450 mila euro

tgpgo3z5v5fby93j

Ventisette festival, diciassette rassegne e premi, cinque cinecircoli – per un totale di 49 progetti – sono i beneficiari delle risorse per 1 milione e 450 mila euro che la Regione Campania ha destinato nel 2018 alla promozione e diffusione della cultura cinematografica e audiovisiva, per la seconda annualità di attuazione della legge regionale n. 30 del 2016 per il Cinema.

Rispetto ai trentuno progetti approvati nel 2017, l’incremento considerevole del 2018 conferma la strategia concreta, avviata nel biennio precedente, per la valorizzazione e il rilancio del comparto.

La varietà delle iniziative, da quelle ormai storiche e consolidate, alle più innovative ed emergenti, comprese le prime edizioni evidenzia una forte vivacità territoriale, ben distribuita e rappresentata dalle aree periferiche a quelle cittadine, accogliendo in pieno le direttive e le aspettative contenute nell’impianto normativo regionale.

Il ventaglio delle proposte, alcune delle quali saranno realizzate entro la fine dell’anno, evidenzia un importante valore aggiunto anche per l’attrattività turistica e la destagionalizzazione dei flussi con, in alcuni casi, un evidente respiro internazionale.

L’insieme delle 49 manifestazioni che la Regione Campania sostiene attraverso l’assegnazione di contributi, di fatto si presenta come una vetrina unica e di interesse popolare, grazie all’ampia partecipazione di pubblico e alla diversificazione dei concorsi e delle tematiche, che spaziano da quelle sociali e inclusive, alle educative con il coinvolgimento di scuole e università, senza dimenticare i settori specialistici.

Il contesto vede protagonisti i più affermati e noti registi, produttori e attori, accanto a giovani talenti, in un corollario diffuso di incontri, dibattiti, mostre, concerti, eventi spettacolari che si legano alla proiezione di centinaia di opere rappresentative delle cinematografie di ogni parte del mondo.

Questi i festival approvati: Ischia Film Festival XVI edizione; Napoli Film Festival; Festival Internazionale del Cinema Laceno d’oro; Linea d’ombra Festival XXIII edizione; Festival Nazionale del Cinema e della Televisione Città di Benevento II edizione; Marano Ragazzi Spot Festival; Coffi – CortOglobo Film Festival Italia (Festival del Cinema e delle Arti); Social World Film Festival – mostra internazionale del cinema sociale; Festival Internazionale del Cinema di Salerno LXXII edizione; Ischia Global Film Fest; Faito Doc Festival 2018 XI Edizione; Capri Film Festival alla Certosa 2018 (Capri Hollywood); Nzara Short Palestine Film Festival; Social film festival Artelesia 2018; Omovies Film Festival XI edizione; Prospe(c)tiva B.R.I.O.; Mediterraneo Video Festival; Cortodino Film Festival 2018 VIII edizione; Procida Film Festival; Cortisonanti; Pomigliano Work Film Festival; Italian Movie Award® – Festival Internazionale del Cinema; Naplesoterique – The Mistery Film Festival; Corto Nero – Concorso Cortometraggi Noir 2018 IV edizione; Villammare Film Festival; Festival di Cortometraggi I Corti sul lettino – Cinema e Psicoanalisi X edizione; Vesuvius Film Festival.

Queste le rassegne e premi: Rassegna Cinema intorno al Vesuvio 2018 XXV edizione; 23° Artecinema – Festival Internazionale di Film sull’Arte Contemporanea; Incontri Internazionali del Cinema di Sorrento; Trame: periferie e marginalità nel cinema contemporaneo II edizione; Venezia a Napoli. Il cinema esteso 2018; Tam Tam Digifest – I viaggiatori dell’utopia; CartoonNA 2018; Rassegna Doppio Sogno Villa Pignatelli; Cinema e Diritto; Ateneum – Uomini ed Eroi; SS7ART – Storie e strade della settima arte; Premio Cinematografico Fausto Rossano per il Premio Diritto alla Salute; Galà del Cinema e della Fiction in Campania; Corto e a Capo; Il Cinema degli Ultimi; La riscoperta del genio musicale nei musicarelli; Inedito Film – Rassegna di Film Indipendenti.

Queste le attività di cinecircoli approvate: Il Cinema a Ponticelli; Giornata Internazionale del Cinema di Animazione; Audiovisual Future – Educazione all’immagine audiovisiva per ragazzi; Incontri, laboratori, proiezioni, dibattiti e seminari di innovazione e sperimentazione per la promozione e la diffusione del cinema e del comparto audiovisivo; Attività 2018 dell’associazione Tycho.

C.S.

Vallo della Lucania, “E-LaborVallo: dai Talenti all’Impresa”: progetti imprenditoriali per i giovani

 

foto_vallo_lucania_1-650x412
Il comune di Vallo della Lucania ha in progetto di coinvolgere i giovani in laboratori per percorsi di sostegno e di accompagnamento alla creazione di impresa e al lavoro autonomo. I percorsi consisteranno in attività di assistenza, quali azioni di informazione, orientamento, consulenza specialistica, assistenza alla predisposizione del business plan/piano di attività ed eventuali strumenti agevolativi. L’obiettivo è innanzitutto la verifica della potenziale fattibilità dell’idea imprenditoriale, dopodiché il servizio di accompagnamento proseguirà con il supporto alla definizione di un progetto imprenditoriale completo e, infine, si favorirà la completa redazione del business plan/piano di attività. In termini generali i servizi di accompagnamento dei potenziali imprenditori o lavoratori autonomi saranno caratterizzati da uno o più incontri di consulenza per ogni progetto imprenditoriale. Le attività organizzate alla base del laboratorio, che prevedono sei fasi, intendono offrire ai giovani selezionati un concreto supporto che li possa aiutare a realizzare una propria impresa o un proprio lavoro autonomo. Tutto ciò nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Campania denominato “Benessere giovani – Organizziamoci” manifestazione di interesse per la realizzazione di attività polivalenti che mira a sensibilizzare i giovani dai 16 ai 35 anni alla cultura d’impresa e all’acquisizione di esperienze utili a favorire la loro crescita personale. Il progetto denominato “E-LaborVallo: dai Talenti all’Impresa” ha una durata di 24 mesi ed è rivolto prioriatamente a giovani NEET con età inferiore a 35 anni. Le attività verranno svolte presso la struttura “Mediterranean Factory” collocata nell’ex Monastero di Santa Caterina. E’ di 80.000,00 euro l’importo per il quale il progetto è stato ammesso a finanziamento.

REDAZIONE

Castellabate, “Rispetta la diversità-unisci le persone”: il nuovo progetto per giovani diversamente abili

disabilita
“Rispetta la diversità – unisci le persone” si tratta del progetto predisposto con il Segretariato Sociale del comune di Castellabate che permetterà una esperienza lavorativa a giovani disabili maggiorenni con disabilità motorie e cognitive non gravi. Infatti questi ultimi avranno la possibilità di affiancare il personale dell’ufficio informagiovani per le attività inerenti tale servizio. In via sperimentale, il progetto sarà attivato per la corrente stagione estiva e fino al 15 Settembre 2018 con orario da concordare tra le parti, che potrà essere antimeridiano o pomeridiano. Ovviamente l’impegno operativo volontario non deve essere considerato indispensabile per garantire la normale attività dell’ufficio, ma costituisce uno stimolo per il miglioramento delle relazioni sociali e per l’abitudine ai ritmi lavorativi. Tale attività verrà prestata dai giovani diversamente abili volontariamente ed a titolo gratuito, con acquisizione del consenso dei genitori.Se necessario, sarà ammesso all’ufficio informagiovani anche il personale accompagnatore del disabile. L’impegno operativo non dovrà superare, per ogni volontario, le 18 ore settimanali e le 72 ore mensili. I soggetti interessati a svolgere l’attività possono presentare domanda all’Ufficio Servizi Sociali e saranno ammessi all’attività medesima a seguito di parere favorevole vincolante del Segretariato Sociale. Tra l’altro l’Amministrazione Comunale aveva già avuto modo di collaborare con l’Istituto di Istruzione Superiore De Vivo-Vico per il progetto “alternanza scuola lavoro” che ha permesso a giovanissimi disabili di sperimentare il mondo del lavoro applicandosi in piccole mansioni.

REDAZIONE

CAMPANIA, 119 PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI PRONTI PER IL MERCATO: PUBBLICATO L’ELENCO DEI PROGETTI FINANZIABILI

regione-campania
Le startup innovative campane sono pronte a rivoluzionare la nostra vita quotidiana: dal monitoraggio della qualità dell’aria delle nostre città, alla produzione di nuovi cosmetici provenienti dalle alghe, alla tracciabilità delle filiere vitivinicole, fino ai kit per trasformare le nostre auto in veicoli ibridi a energia solare o per monitorarne lo stato di “salute”.Sono prodotti e servizi dall’elevato contenuto innovativo che saranno sul mercato al massimo tra dodici mesi e ci aiuteranno anche nella vita quotidiana. Sono proposti da 119 realtà imprenditoriali campane ammesse a finanziamento sull’Avviso “Campania Start Up Innovativa” per un totale di 23 milioni di euro a valere sul PO FESR 2014-2020 Asse I.L’innovazione proviene da tutti i player dell’ecosistema: startup innovative già operanti, spin off accademici, ricercatori, gruppi di giovani con l’intuizione giusta.Arrederemo casa con mobili dal design innovativo e modulare, potremo certificare ora e luogo di una foto fatta con il cellulare e avrà valore legale, sarà possibile utilizzare piattaforme di car sharing o scegliere le proiezioni cinematografiche. Perché dietro a nomi anglofoni e sigle di non immediata comprensione, sono tanti i progetti made in Campania che consentiranno la creazione di nuove startup o la crescita di imprese ad alta intensità di conoscenza.Anche la Pubblica Amministrazione e la Sanità Pubblica potranno beneficiare di questi nuovi prodotti e processi: piattaforme di telemedicina con funzioni di diagnosi per immagini a distanza, ripristino dei suoli agricoli esausti, sistemi per monitoraggio e sicurezza del trasporto (aria, acqua, ferro e gomma), supporto alla gestione dei processi sociosanitari, nuova gamma di dispositivi medici e di biomateriali per la gestione e la terapia di patologie diffuse, manifattura 3D applicata ai sistemi di immobilizzazione (gessi e steccature).Gli impatti attesi sono aumento dell’occupazione qualificata, industrializzazione della ricerca, allargamento della base di startup innovative, su tutte le aree strategiche della Strategia di Specializzazione Intelligente: biotecnologie, agroalimentare, aerospazio, edilizia sostenibile, materiali avanzati, beni culturali e turismo, energia e ambiente, economia del mare, sistema moda e design.“Abbiamo dato l’impulso per la creazione di una nuova generazione imprenditoriale con l’obiettivo di aumentare la competitività del sistema produttivo regionale attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi ad alto contenuto innovativo. Sono coinvolti in questi nuovi progetti oltre 600 giovani per i quali si aprono nuove prospettive per il loro futuro” ha dichiarato il presidente Vincenzo De Luca.

C.S.

Centola, finanziamenti per la messa in sicurezza delle scuole e per il recupero del Castello Medievale di San Severino 

1200px-centola

Cinque i progetti finanziati dai Ministeri dell’Interno e dell’Economia e delle Finanze al Comune di Centola. Infatti sono stati messi a disposizione quattro milioni e 500mila euro per la messa in sicurezza e l’adeguamento sismico degli edifici scolastici di Centola, Foria e Palinuro. E’ previsto anche il recupero del Castello medievale di San Severino per un importo pari a 797mila euro. Si tratta di un risultato importante di cui si dichiara soddisfatto il sindaco Carmelo Stanziola – La sicurezza nelle scuole, la creazione di strutture adeguate per i ragazzi sono stati da sempre una priorità per tutti noi-ha dichiarato il primo cittadino- finalmente con questi finanziamenti potremo restituire alla comunità ed in particolar modo agli studenti, edifici scolastici sicuri e accoglienti”. Per quanto riguarda invece il recupero del castello medievale di San Severino ha così commentato:”Sul borgo medievale di San Severino daremo nuovamente vita allo straordinario castello che sovrasta le gole del Mingardo- ha sottolineato Stanziola- diventerà un luogo da visitare e da valorizzare, tappa obbligatoria per i turisti diretti lungo la costa. Il Comune di Centola nel giro di pochi mesi acquisterà ancora maggiore prestigio sui canali turistici nazionali ed internazionali”.

REDAZIONE

CAPACCIO PAESTUM, BANDO “SPORT E PERIFERIE”, COMUNE CANDIDA DUE PROGETTI

 

municipiocapoluogonuovo-1

Realizzazione del manto di gioco in erba sintetica all’impianto sportivo “Tenente Vaudano” e adeguamento del “campetto dei ragazzi” adiacente allo stadio “Mario Vecchio” di Capaccio Scalo. Sono i due progetti che la Giunta comunale di Capaccio Paestum ha candidato a finanziamento attraverso il bando “Sport e Periferie” del CONI.

I progetti, redatti dall’Area III “Pianificazione Territoriale e Progetti Strategici”, consentiranno di rendere gli impianti più efficienti e funzionali.

Per quanto concerne il campo sportivo “Tenente Vaudano”, il progetto prevede la realizzazione del manto di gioco in erba sintetica, la nuova recinzione, l’adeguamento dei percorsi distinti tra ospiti e locali, i servizi igienici e le opere complementari utili a realizzare un centro per le attività sportive e il tempo libero.

Nel secondo caso, invece, il progetto prevede una serie di interventi che consentiranno di svolgere nel campetto adiacente al “Mario Vecchio” manifestazioni ufficiali organizzate dalla FIGC – LND Divisione Calcio a Cinque e comporterà l’adeguamento delle dimensioni del campo e nella creazione del manto di gioco in erba sintetica, dell’impianto di illuminazione e di irrigazione, e, infine, la posa in opera di una recinzione a norma.
«Tali interventi rientrano nell’ottica di promozione della cultura sportiva come occasione di crescita dei valori della socializzazione. – spiega l’assessore allo Sport, Franco Sica – L’intervento più atteso è sicuramente quello del “Tenente Vaudano” perché consentirà di dotare finalmente l’impianto del capoluogo del manto in erba sintetica. Nel secondo caso, infine, offriremo ai giovani del nostro territorio e non solo un ulteriore spazio dove poter fare sport e vivere dei momenti di socializzazione. Lo sport è vita ed è compito di chi amministra tenere ben presenti le esigenze degli sportivi».

C.S.

 

Castellabate, il castello dell’Abate illuminato per la campagna mondiale “Città per la vita, città contro la pena di morte” 

 

CASTELLABATE CASTELLO ILLUMINATO
Il giorno 30 Novembre ricorre la prima abolizione della pena di morte nel mondo avvenuta nel 1786 da parte del Granducato di Toscana. Per l’occasione la comunità di Sant’Egidio ha proposto un’iniziativa denominata “Città per la vita – città contro la pena di morte” che prevede l’illuminazione del Castello (Castrum Abatis) del comune di Castellabate quale edificio/monumento più rappresentativo della città. Il progetto prevede inoltre anche spazi di adeguata informazione e sensibilizzazione sulle motivazioni del rifiuto di tale pratica e sul progresso della campagna abolizionista nel mondo, considerato il permanere in molti stati della pratica disumana della pena capitale. La comunità di Sant’Egidio con sede in Roma, è fondatrice della rete di municipalità “Città per la vita – città contro la pena di morte” che rappresenta in Europa e nel mondo la comune volontà di accelerare la definitiva scomparsa della pena capitale dal panorama giuridico e penale degli Stati. L’iniziativa rappresenterebbe un gesto fortemente simbolico messo in atto da parte del piccolo borgo di Castellabate a testimonianza dell’impegno locale per la giustizia.

REDAZIONE

Agropoli, due nuovi progetti per la Biblioteca Comunale

AGROPOLI BIBLIOTECA COMUNALE

E’ pari a euro 1.000 il finanziamento regionale grazie al quale sarà possibile effettuare la catalogazione delle monografie moderne della Biblioteca Comunale di Agropoli in SBN (Servizio Bibliotecario Nazionale), ovvero la rete delle biblioteche italiane promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con la cooperazione delle Regioni e delle Università e coordinata dall’Istituto centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche. Nello specifico il progetto prevede la catalogazione nel sistema SBN WEB di 200 volumi moderni del fondo librario della Biblioteca comunale e la definizione del nuovo sistema di collocazione dei volumi. E’ previsto inoltre anche un altro progetto che prevede l’acquisizione dell’abbonamento alla piattaforma digitale MediaLibraryonLine MLOL, per la consultazione di e-book, riviste digitali, banche dati grazie ad un finanziamento pari a euro 4.000,00. Grazie al suddetto progetto il patrimonio documentale, quantificato in circa 3500 volumi, presente nella biblioteca comunale sarà a disposizione di tutti coloro che intendono usufruirne.Ciò facendo ricorso alle nuove tecnologie e alle piattaforme digitali. Entrambi i progetti sono indirizzati alla cittadinanza, alle scuole, agli utenti e ai turisti interessati e consentirà la conoscenza del patrimonio della Biblioteca per un costo complessivo pari a euro 5.375,00.

REDAZIONE