Cilento, Via Silente: siglato protocollo d’intesa con il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni

VS2

Importante traguardo di fine anno per l’ Associazione “La Via Silente”. È stato infatti approvato nell’ultimo consiglio direttivo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni il protocollo di intesa per incrementare, perfezionare ed arricchire ulteriormente il percorso cicloturistico La Via Silente. Soddisfazione da parte di Simona Ridolfi, presidente dell’Associazione La Via Silente. « È un risultato di particolare importanza per la Via Silente che ci consente di proiettarci nel futuro con il grande sostegno istituzionale dell’Ente Parco. Il nostro accordo si basa sul principio che il cicloturismo rappresenti oggi un ambito territoriale un’opportunità straordinaria per lo sviluppo della Green Economy. La  combinazione tra cicloturismo ed escursionismo, entrambi in crescita grazie ad associazioni come CAI, FIE, VIA SILENTE o ad agenzie private che operano in questo settore, rappresenta senza alcun dubbio il futuro per il nostro territorio». La Via Silente prevede un percorso circolare di 600 km suddiviso in 15 tappe attraverso il territorio dell’area protetta.  «Valorizzare il contesto locale ed i suoi fattori di eccellenza, nel rispetto dei limiti posti dalla conservazione degli ecosistemi- conclude Simona Ridolfi- è l’obiettivo comune di ciascuno di noi; il mezzo bicicletta, sia esso tradizionale o di ultima generazione, diventa lo strumento utilizzato per il perseguimento di tali obiettivi»Per questa grande opportunità di collaborazione l’associazione Via Silente ringrazia il presidente Tommaso Pellegrino e tutti i membri del consiglio direttivo dell’Ente Parco.

C.S.

CAPACCIO PAESTUM,PROTOCOLLO D’INTESA TRA CIRCOLO CANOTTIERI AGROPOLI E UNIVERSITA’ PARTHENOPE DI NAPOLI PER ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE

 

 

Collaborazione didattica e di ricerca nel campo delle scienze motorie, sportive e del benessere. È il fine del protocollo d’intesa, siglato presso la struttura Shine’ Beach, in località Linora, a Capaccio Paestum, tra il Circolo Canottieri Agropoli e il Dipartimento di Scienze Motorie e del Benessere dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”.
La convenzione è stata firmata dal presidente del sodalizio cilentano, Enzo Mazza, e dal Dipartimento universitario, rappresentato dalla professoressa Luisa Varriale. Testimoni di quest’atto ufficiale che sancisce una collaborazione, finalizzata soprattutto allo sviluppo della pratica sportiva tra le persone con disabilità, sono stati il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, l’assessore allo Sport, Franco Sica, e il comandante della Guardia Costiera di Agropoli, Giulio Cimmino.
La firma è avvenuta nel corso dell’iniziativa “Special Beach for Special People”, promossa da Cilento4All e giunta alla terza edizione, che ha visto la partecipazione di ragazzi con disturbi dello spettro autistico, che hanno potuto svolgere attività didattiche in spiaggia e in mare, sotto gli occhi attenti del presidente Giovanni Minucci. La stessa iniziativa si colloca nell’ambito di un accordo di convenzione in essere tra Cilento4All e il Circolo Canottieri di Agropoli.
Simulazione, inoltre, di salvataggio in mare con il cane-bagnino della sezione di Capaccio Paestum della Società Nazionale di Salvamento, diretta da Elio Mottola.
Nello specifico, tra le varie attività, il protocollo d’intesa prevede attività didattiche e di formazione teorico-pratiche rivolte agli studenti del DiSMeB di primo, secondo e terzo livello di formazione in ambito motorio, sportivo, medico, biologico, pedagogico, psicologico, giuridico, economico-aziendale e organizzativo; attività di elaborazione e/o partecipazione a progetti di ricerca di comune interesse e di collaborazione per la diffusione dei risultati di tali ricerche anche presso le istituzioni scolastiche; attività di ricerca clinico-assistenziale per i docenti del DiSMeB inquadrati nell’area scientifica 06 (Scienze Mediche); attività di promozione di progetti per sensibilizzare i giovani ai valori dello sport quali la lealtà e la correttezza, il rispetto delle regole, l’uguaglianza, la sana competizione ed il gioco di squadra, anche al fine di prevenire taluni fenomeni sociali quali la dispersione scolastica, il bullismo e la marginalità sociale; attività di promozione, diffusione e potenziamento dello sviluppo della pratica sportiva tra le persone con disabilità.
“Lo sport – hanno evidenziato i presenti – è uno strumento per la promozione dell’inclusione sociale, superando ogni barriera e ostacolo legati alla disabilità. Tale momento segna il prosieguo di una collaborazione sul campo che diventa sempre più proficua tra il Dipartimento e le organizzazioni coinvolte.”

C.S.

RIQUALIFICAZIONE E RILANCIO DEL TERRITORIO: FIRMATO IL PROTOCOLLO TRA CONFCOOPERATIVE CAMPANIA E IL COMUNE DI S. ARSENIO

 IMG_5538 - 1

Confcooperative Campania, per il tramite di Confcooperative Habitat Campania, Federazione che aggrega le cooperative di abitazione nell’Organizzazione, sigla con il Comune di Sant’Arsenio, in provincia di Salerno, un Protocollo per la valorizzazione e la riqualificazione del territorio. La firma del Protocollo è il frutto di un lavoro sinergico tra l’ente pubblico e l’Associazione di rappresentanza del movimento cooperativo, che attraverso il Tavolo di lavoro intersettoriale sull’housing sociale, si è concentrata anche su tematiche quali la cooperazione di comunità e la riqualificazione dei borghi e delle aree interne.

“La collaborazione con il Comune di Sant’Arsenio è un onore ma anche un onere. Il nostro ruolo sarà quello di seminare cooperazione attraverso iniziative trasversali, che dal sociale alla tradizione enogastronomica, coinvolgendo tutte le nostre Federazioni di settore, siano capaci di scongiurare l’abbandono del territorio, e di far avvicinare la comunità all’impresa cooperativa” commenta Antonio Borea, Presidente di Confcooperative Campania.

Stesso entusiasmo lo comunica il promotore ed ideatore dell’iniziativa Antonio Gesummaria, Presidente della Confcooperative Habitat Campania

“Vogliamo mettere a disposizione delle istituzioni più sensibili al tema della riqualificazione, come nel caso del Comune di Sant’Arsenio, la nostra esperienza di imprenditori cooperativi. I propositi sono alti e puntano, attraverso iniziative ad hoc, ad avvicinare le persone ai luoghi dove vivono creando, laddove possibile, anche occasioni occupazionali, attraverso la cooperazione. Il Tavolo di lavoro sull’housing sociale sarà il luogo deputato al confronto e all’elaborazione di proposte”.

C.S.

Albanella, protocollo tra comune, Asl e parrocchia S.Gennaro per l’assistenza a minori disabili

260px-Albanella_Panorama
Piani educativi individualizzati per minori disabili residenti nel Distretto sanitario di Capaccio-Roccadaspide: siglato un protocollo d’intesa tra il Comune di Albanella, l’Asl Salerno e la parrocchia di San Gennaro (Centro educativo Impariamo a imparare). L’obiettivo è avviare interventi, con la collaborazione delle famiglie e della comunità, che sviluppino le potenziali capacità dei minori affetti da disabilità psicofisica e cognitiva, attraverso attività extrascolastiche. Il progetto partirà con l’inizio del nuovo anno scolastico. L’Asl Salerno ha individuato il dirigente responsabile del Centro aziendale di neuroscienze dell’età evolutiva, il dottor Salvatore Iannuzzi come referente dell’attività per l’azienda.Compito dell’azienda sanitaria sarà: elaborare la diagnosi dinamico-funzionale che indica le caratteristiche fisiche, psichiche, sociali ed affettive del minore e pone in rilievo sia le difficoltà di apprendimento che le possibilità di recupero, oltre alla capacità possedute; elaborare il progetto educativo individualizzato; coordinare le attività; realizzare azioni di scambio di informazione sui progetti attivati. Si tratta del primo modello di una struttura interistituzionale che segue i bambini con disabilità neuropsichiche.Il protocollo ha la durata di un anno e le attività si svolgeranno presso il centro educativo “Impariamo ad imparare”, già attivato dalla parrocchia di San Gennaro, e saranno sostenute dal Comune di Albanella, guidato dal sindaco Renato Josca. “Si tratta di una delle più importanti iniziative per il sociale avviate sul territorio – dichiara Josca – siamo orgogliosi di collaborare. I ragazzi saranno impegnati in attività che li stimoleranno secondo i loro bisogni, spingendoli a recuperare e superare le difficoltà. Il fondamento del nostro programma elettorale è ‘Nessuno resti indietro’. Questo progetto incarna alla perfezione il concetto: tendiamo la mano verso gli altri per portarli al nostro fianco, per dargli le nostre stesse possibilità. In cantiere c’è anche la realizzazione, nell’ex alberghiero, di un centro per servizi socio-assistenziali per anziani: una sistemazione residenziale con impronta il più possibile domestica, organizzata in modo da rispettare il bisogno individuale di riservatezza e privacy, stimolando al tempo stesso la socializzazione tra gli ospiti”.Sarà la parrocchia di San Gennaro, guidata dal parroco don Carlo Ciocca, ad occuparsi delle attività per i minori. Programmi di arricchimento strumentale, attività socio-educative e di socializzazione, attività psicomotorie, pratiche e manuali che puntano alla gestione dei luoghi di vita per ridurre, nei limiti del possibile, la dipendenza nella sfera domestica e familiare e ridurre la problematicità comportamentale. “Il nostro centro – dichiara il parroco don Carlo Ciocca – ringrazia il sindaco Josca e il dottore Iannuzzi per l’impegno, protratto per mesi, nei confronti di questo importante progetto. Le attività partiranno da settembre. I ragazzi, dopo le valutazioni effettuate dall’Asl, saranno seguiti al meglio secondo i piani educativi individualizzati che prevedranno attività personalizzate e su misura. E’ un obiettivo importante quello che ci siamo prefissati e grazie al sostegno delle istituzioni coinvolte siamo certi che porterà a risultati straordinari”.

C.S.

Provincia, il 15 Giugno protocollo d’intesa per la costituzione della rete campana delle fototeche, raccolte e archivi fotografici.

provincia

Sarà sottoscritto presso la Sala Marcello Torre del Palazzo della Provincia di Salerno, alle 10.30 di venerdì 15 giugno, il Protocollo d’Intesa per la costituzione della Rete campana delle fototeche, raccolte e archivi fotografici. Diciassette i soggetti che si apprestano a sottoscrivere il documento che rappresenta la concretizzazione dei proponimenti e degli impegni assunti nell’ambito del Censimento delle raccolte e degli archivi fotografici in Italia – coordinato dall’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del MiBACT con il sostegno di Camera, Centro Italiano per la Fotografia – presentato il 30 gennaio scorso, presso l’Archivio di Stato di Salerno, dall’associazione culturale IL DIDRAMMO/Museo Didattico della Fotografia.

La giornata sarà aperta dai saluti del Presidente della Provincia di Salerno Giuseppe Canfora e dalla Responsabile degli Archivi di Camera-Centro italiano per la Fotografia di Torino Barbara Bergaglio. A seguire la presentazione dell’accordo di Rete, degli impegni e dei risultati che si intendono perseguire, quindi la sottoscrizione del protocollo cui aderiranno diverse realtà attive in regione nel campo della tutela e conservazione del patrimonio fotografico.

A siglare il Protocollo saranno l’Associazione culturale IL DIDRAMMO/MuDiF di Montesano sulla Marcellana e Sarno (Sa) – che avrà il ruolo di partner Capofila in quanto promotore della Rete -, l’Archivio di Stato di Benevento, l’Archivio di Stato di Salerno, l’Archivio fotografico Angelo Pesce di Torre del Greco (Na), il Centro Guido Dorso di Avellino, il Centro Universitario Europeo dei Beni Culturali di Ravello, il Comune di Cava de’ Tirreni (Sa), il Comune di Eboli (Sa), il Comune di Salerno, il Consorzio di Bonifica Integrale Vallo di Diano e Tanagro (Sa), il Dipartimento di Studi Umanistici
dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, la Fondazione CeRPs di Nocera Inferiore (Sa), il MAVI, Museo antropologico visivo irpino di Lacedonia (Av), la Provincia di Salerno, la Società Napoletana di Storia Patria (Na), la Società Salernitana di Storia Patria (Sa), la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Salerno-Avellino.

“Il protocollo – si legge nel documento costitutivo della rete – nasce dalla condivisa volontà di consolidare i rapporti di interazione reciproca tra le sfere di interesse dei partner sugli argomenti riguardanti il recupero, la conservazione, la catalogazione, la valorizzazione e la promozione dei beni fotografici regionali”. Tra gli obiettivi della Rete la promozione di “concrete iniziative volte alla diffusione della cultura fotografica, alla emersione di raccolte fotografiche di enti e privati, alla promozione di una migliore conoscenza dei numerosi archivi fotografici, noti e meno noti”; larealizzazione di “iniziative stabili e riconosciute di formazione di figure professionali specifiche di settore”; la “catalogazione e la condivisione di dati catalografici riferiti al patrimonio fotografico degli enti e dei soggetti privati partecipanti anche tramite protocolli di integrazione delle varie banche dati”; la “realizzazione di percorsi tematici trasversali, mostre virtuali e non, photogallery dedicate al patrimonio conservato da ciascun archivio o raccolta”.
Basato sulla reciproca collaborazione tra i sottoscrittori, il protocollo riconosce il “ruolo strategico dei temi della salvaguardia e diffusione della conoscenza del patrimonio fotografico regionale, nonché della formazione degli operatori” e impegna i partner a “promuovere la divulgazione scientifica, tecnica e professionale – indirizzata a docenti e studenti delle scuole di ogni ordine e grado e dei dipartimenti universitari – dell’attività degli archivi, delle ricadute produttive in ambito locale, dei possibili sviluppi di carattere professionale”.

C.S.

Capaccio paestum, “Il mare per tutti”, firmato il protocollo d’intesa tra Circolo Canottieri di Agropoli, Med Service s.r.l. e Cilento4all

protocollo
Una giornata di mare e di sport, quella organizzata dal Circolo Canottieri di Agropoli, Med Service s.r.l. e Cilento4all, presso il Lido Cascata di Capaccio Paestum. Presente alla firma del protocollo d’intesa anche il sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, e l’assessore allo Sport, Franco Sica, che presto sottoscriveranno insieme alle due associazioni un accordo di collaborazione finalizzato all’inclusione delle persone con bisogni speciali. “Siamo sempre stati vicini ai ragazzi che sono stati meno fortunati, ma la nostra volontà è quella di poter aiutare queste persone inserendole nel mondo dello sport, nel mondo della partecipazione, vivendo anche il mare. – ha detto Claudio Pignataro, vicepresidente del Circolo Canottieri Agropoli – L’obiettivo è quello di poterli avviare a questa attività utilizzando le nostre canoe, inoltre stiamo montando vicino al pontile del circolo un’attrezzatura per permettere alle persone diversamente abili di poter accedere alle barche. Siamo stati già autorizzati dalla Regione e dalla Capitaneria, ed è una cosa importantissima in quanto permetterà a queste persone di poter vivere meglio il mare”. Tale protocollo è finalizzato alla realizzazione di attività sociali e turistiche per famiglie con bisogni speciali. “Il protocollo di intesa nasce già da una collaborazione avviata da circa due anni, oggi sanciamo l’ufficialità di questa collaborazione. – ha dichiarato Giovanni Mincucci, presidente dell’associazione Cilento4all – La prospettiva è di poter continuare questo cammino intrapreso insieme, per dare l’opportunità ai ragazzi con autismo di andare in canoa e fare attività sportive”. Le famiglie hanno accolto l’iniziativa con entusiasmo, i ragazzi sono stati coinvolti in molteplici attività sportive, a seguito delle quali, sono stati premiati con un attestato di partecipazione e una medaglia. Presente all’evento anche il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo. “C’è sembrato doveroso dare un contributo ancora più forte unitamente all’Associazione Cilento4all per le persone affette da disabilità, perché attraverso questo messaggio di sensibilizzazione, di coinvolgimento del mondo associativo e delle strutture ricettive, si consente non solo un’accessibilità a questi luoghi ma un’opportunità di lavoro per coloro che hanno delle difficoltà di inserimento – ha evidenziato il sindaco Francesco Palumbo – Capaccio Paestum, quale patrimonio dell’umanità, ha dato già un messaggio in questa direzione, noi abbiamo l’area archeologica che è accessibile ai portatori di handicap, questo ci inorgoglisce in quanto si continua a diffondere quel messaggio culturale, non solo dell’accoglienza, ma anche della comprensione”. Hanno sottolineato l’importanza dell’iniziativa anche il direttore generale del Circolo Canottieri Agropoli, Leopoldo Catena, e l’assessore allo Sport del Comune di Capaccio Paestum, Franco Sica.

C.S.

Regione, Protocollo d’intesa Confindustria Campania e Sindacati

 

CONFINDUSTRIA

“Il Protocollo d’Intesa firmato tra Confindustria Campania e Cgil, Cisl e Uil della Campania è una novità di grande importanza per le relazioni industriali e rappresenta un indubbio passo in avanti nel percorso di coesione tra le principali forze produttive della Regione. Il protocollo propone un nuovo modello di rapporti tra le parti sociali che rafforza la collaborazione con la Regione e le istituzioni locali.La Regione ha già avviato un ampio confronto di merito con Confindustria e con i Sindacati sulle scelte strategiche e sui provvedimenti più significativi per lo sviluppo industriale e l’occupazione produttiva nella nostra Regione. L’intesa sottoscritta con le Organizzazioni Confederali dal Presidente della Regione e il tavolo di confronto, avviato nelle scorse settimane insieme con Confindustria e Sindacati a livello regionale è l’attuazione concreta di una volontà di condivisione delle strategie e di piena interazione con i rappresentanti dei lavoratori e delle imprese campane.In questo quadro la Giunta Regionale è pronta a entrare nel merito dei temi contenuti nel Protocollo, completando la mappatura delle aree industriali dismesse; approvando la norma di esonero dall’Irap per le Zes; procedendo in un’ulteriore opera di semplificazione amministrativa con tempi brevi e certi; accelerando gli interventi e la spesa per lo sviluppo, la ricollocazione dei lavoratori espulsi dai processi produttivi e la nuova occupazione (sia sul versante della formazione e delle politiche attive che sul versante della crescita strutturale della produzione e del lavoro).Il Piano Straordinario per il Lavoro, legato a una profonda innovazione della Pubblica Amministrazione, è l’iniziativa che la Regione intende mettere a disposizione per sostenere l’accesso, soprattutto, di migliaia di giovani qualificati nelle Pubbliche Amministrazioni e per avere strutture pubbliche adeguate all’esigenza di semplificazione e di rapidità delle risposte amministrative richieste dalla quarta rivoluzione industriale.Con questi impegni e con la determinazione a intensificare il confronto con le parti sociali, l’amministrazione regionale accoglie con estremo favore la firma del Protocollo d’intesa tra Confindustria, Cgil , Cisl e Uil“ .

C.S.

“LA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO”: MERCOLEDÌ 18 APRILE PRESENTAZIONE DEL PROTOCOLLO D’INTESA TRA BCC DI AQUARA E ANCE AIES SALERNO

 bcc

Mercoledì 18 aprile, a partire dalle 15.30, presso l’Agripaestum di Capaccio Paestum si terrà un importante convegno dal titolo “La riqualificazione del patrimonio edilizio”.

Organizzato dall’ANCE AIES Salerno (Associazione Imprenditori Edili Salerno) e promossa dalla BCC di Aquara si propone di analizzare interessanti ed attuali tematiche, quali: le agevolazioni fiscali per l’edilizia; il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio mediante l’utilizzo dell’Eco Bonus e Sisma Bonus; l’analisi della piattaforma ANCE-DELOITTE, attraverso cui cittadini e imprese possono cedere i propri crediti fiscali derivanti da interventi di messa in sicurezza ed efficientamento energetico degli edifici; sino a giungere alla monetizzazione degli sgravi fiscali che confluirà nella stipulazione di un Protocollo d’Intesa tra ANCE AIES Salerno e BCC di Aquara.

In un momento in cui le imprese edili vivono una costante difficoltà per mancanza di commesse e per i cronici ritardi nei pagamenti da parte soprattutto della Pubblica Amministrazione, l’ANCE di Salerno e la BCC di Aquara hanno ideato un protocollo di intesa atto a significare una maggiore sinergia tra banca e impresa, una maggiore collaborazione anche alla luce dell’ormai lungo e consolidato rapporto di collaborazione tra ANCE e BCC di Aquara. Siamo fiduciosi che questa collaborazione si migliorerà e che le nostre imprese avranno un ruolo sempre più importante nella ripresa economica della Provincia di Salerno” ha commentato Antonio Marino, Direttore Generale del Credito Cooperativo Aquarese.

Tante le Istituzioni e i Professionisti presenti che si alterneranno come relatori di un  dibattito costruttivo e di forte attualità. Le agevolazioni fiscali, previste dalla Legge di Bilancio 2017, sono infatti misure essenziali per dare avvio a un piano di riqualificazione del patrimonio immobiliare italiano, ma per essere davvero efficaci è necessario semplificarne l’utilizzo e renderle accessibili a una più ampia platea di soggetti.

Richiesto per questo evento l’accreditamento valido ai fini della FPC agli Ordini Professionali Patrocinanti.

C.S.