BIT Milano, presentati gli eventi in Campania per il 2019

BIT Milano, presentati gli eventi in Campania per il 2019

L’assalto dei tour operator o dei semplici visitatori allo stand Campania durante la Borsa Internazionale del Turismo a Milano giustifica l’ottimismo degli addetti ai lavori per la prossima stagione di quella che è ormai la seconda regione italiana per incremento di presenza turistica. La vetrina della BIT è un luogo dove esporre i tesori culturali campani a partire dai siti Unesco materiali e immateriali. Le aree archeologiche di Pompei, Ercolano, Paestum, Campi Flegrei e Oplonti a Torre Annunziata, Santa Sofia a Benevento, il Centro Storico di Napoli, la Reggia di Caserta con l’acquedotto vanvitelliano e il complesso di San Leucio, la Costiera Amalfitana, il Parco nazionale del Cilento, gli scavi di Velia e la Certosa di Padula. Ed ancora, siti immateriali: la dieta mediterranea, le grandi macchine a spalla dei gigli di Nola ed infine “l’arte del pizzaiolo napoletano”, ultimo, ma non per importanza, riconoscimento internazionale.

Nello stand della Regione, durante i tre giorni della BIT, sono state organizzate conferenze tematiche e degustazioni che rappresentano una sorta di viaggio tra le province campane. “Nella visione strategica di un altro Sud e un’altra Campania – afferma l’assessore Corrado Matera – il turismo rappresenta un elemento fondamentale per creare occupazione e sviluppo. La sensibile e diffusa crescita dei flussi turistici nei nostri territori è il frutto di un’azione che abbiamo portato avanti con il presidente De Luca nei diversi settori. Adesso dobbiamo rendere permanenti gli effetti positivi di questo boom turistico che è sotto gli occhi di tutti”.

Questi i principali eventi della programmazione 2019:

Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dal 28 marzo, la mostra “Canova e l’Antico” con celebri statue provenienti dall’Ermitage di San Pietroburgo a confronto con i capolavori classici della collezione Farnese al MANN.

Dall’11 aprile Caravaggio torna al Museo di Capodimonte: una mostra che si preannuncia storica e che sta già creando attesa tra gli appassionati vecchi e nuovi del grande pittore del Seicento.

Al Madre, il museo di arte contemporanea situato nel cuore di Napoli, dopo lo strepitoso successo di pubblico di Robert Mapplethorpe, con “Coreografia per una mostra”, che la Regione Campania ha allestito in collaborazione con la Robert Mapplethorpe Foundation, si annunciano sold out le personali dedicate a Pier Paolo Calzolari, Pina Bausch e Liam Gillick.

Dall’8 giugno al 14 luglio il “rivoluzionario” Napoli Teatro Festival Italia, organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival, trasformerà la città in un immenso e vivo palcoscenico dove andranno in scena artisti e autori provenienti da tutto il mondo.

A Sorrento, da giugno ad ottobre, è in programma la mostra “Henri Matisse. Il Maestro in scena”, con oltre 100 opere dell’artista francese. La rassegna sarà ospitata a Villa Fiorentino ed è frutto di collaborazioni con istituzioni culturali di grande prestigio come il Museo Matisse e il Museo Picasso.

Alla fiera di Milano va in scena anche “L’amica geniale” con i luoghi che tra Ischia e Napoli hanno fatto da naturale location alla fiction tratta dai romanzi di Elena Ferrante. La Regione Campania sta puntando molto sul Cinema come fonte nuova di turismo. Ormai la nostra regione è un set a cielo aperto che si rinnova quotidianamente con produzioni grandi e piccole attratte anche per l’eccellente lavoro della Film Commission, che riesce a sintetizzare quello che la Campania è in grado di offrire al grande Cinema: belle storie, cultura, luoghi e talenti.

Un classico tra i classici per l’offerta turistico-culturale della Campania sarà la stagione dei siti di Pompei, Ercolano e Paestum: torna “Campania by Night”, organizzato dalla Scabec società in house della Regione, che rinnova le tradizionali suggestioni degli eventi negli scavi. Nel Parco Archeologico dei Campi Flegrei rivive il Mito della Terra Ardente: dal Museo di Baia parte un percorso verso le origini della cultura.
A Pompei il Teatro Stabile presenta l’edizione 2019 di “Theatrum Mundi” con un cartellone che tra giugno e luglio va da Sofocle a Shakespeare.

Mentre nella Reggia di Caserta “L’Estate da Re” quest’anno prende il via proprio con il solstizio che coincide con la Festa internazionale della Musica.

Eccellenza campana nota in tutto il mondo è il Festival di Ravello che, giunto alla 67esima edizione, rappresenta un diamante incastonato nel diadema della Costiera Amalfitana.

Altro evento centrale del 2019 sono le Universiadi, in programma dal 3 al 14 luglio. La Regione Campania ha attrezzato una sessantina di impianti destinati alle gare e allestito una serie di servizi per l’accoglienza degli atleti, circa 8000 provenienti da 170 paesi, e degli ospiti. Si tratta di giovani che gravitano negli ambienti accademici: un target elevato e quindi in grado di attivare un ottimo effetto di ricaduta internazionale per l’offerta turistico-culturale campana che va ben oltre il turismo sportivo.

C.S.

Annunci

Artigianato, dalla Regione 28 milioni. Ammesse a finanziamento 186 imprese campane

Artigianato: dalla Regione 28 milioni. Ammesse a finanziamento 186 imprese campane. De Luca: sosteniamo la competitività

Entro metà febbraio firmeranno il contratto di ammissione ai benefici le prime 100 imprese della Regione Campania, per un valore complessivo di 12 milioni di investimenti. La Regione Campania ha messo a disposizione attraverso la società in house Sviluppo Campania 28 milioni per strumenti di finanza agevolata a favore dell’artigianato campano.

Le risorse finanziarie puntano a supportare le imprese artigiane nel promuovere la qualità, l’autenticità, l’innovazione e lo sviluppo dei prodotti dell’artigianato artistico di qualità e religioso in Campania, valorizzando la cultura e le arti dei territori regionali anche attraverso nuove tecnologie digitali, il design, lo sviluppo di reti d’impresa. Con questo intervento si intende favorire l’integrazione tra imprese delle filiere culturali, turistiche, sportive, creative e dello spettacolo, e delle filiere dei prodotti tradizionali e tipici.

Interviene il Presidente di Sviluppo Campania, prof. Mario Mustilli:“Abbiamo raggiunto un significativo risultato, riuscendo ad attribuire tutte le risorse messe a disposizione della Regione Campania in pochissimi mesi così da favorire velocemente l’ammodernamento delle imprese artigiane anche attraverso l’introduzione di nuove tecnologie”.

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha dichiarato: “Abbiamo fortemente voluto questa misura di finanziamento per sostenere e rendere sempre più competitivo sul mercato internazionale il nostro artigianato, favorendo l’innovazione delle imprese artigiane, in particolar modo quelle artistiche e religiose che, grazie al bando Artigianato 2018, hanno un’ottima possibilità di modernizzarsi, crescere e innovarsi”.

C.S.

Fondi europei, promossa la Regione Campania: raggiunti e superati tutti i target di spesa

Fondi europei, promossa la Regione Campania: raggiunti e superati tutti i target di spesa

Il 2018 della Regione Campania si chiude con un altro impegno rispettato: raggiunti e superati tutti i target di spesa previsti dal Por Campania 2014/2020. Attraverso un intenso lavoro degli uffici delle Direzioni Generali e della Programmazione Unitaria, coadiuvati dalle strutture dell’assistenza tecnica, la Regione Campania ha raggiunto tutti gli obiettivi di certificazione della spesa fissati dalla Commissione Europea (N+3) con scadenza 31 dicembre 2018, in relazione a tutti i fondi europei 2014-20 (FESR – fondo europeo di sviluppo regionale, FSE – fondo sociale europeo e PSR – Programma di sviluppo rurale).

Per quanto riguarda il Fondo Sociale Europeo (FSE) e il Programma di Sviluppo Rurale (PSR), i target erano già stati raggiunti e superati fin dal mese di settembre-ottobre (FSE 141 milioni – PSR 389 milioni), mentre l’obiettivo del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) è stato centrato nell’ultima decade di dicembre. L’andamento della certificazione della spesa è stato condizionato dal ritardo di circa due anni, ereditato dalle precedenti gestioni, con cui questo programma è partito. Per il POR FESR 2014/2020 al 31/12/2018 era stato fissato un target di 649 milioni di euro. La Regione Campania ha raggiunto i 651 milioni di euro di spesa certificata, evitando così il disimpegno automatico (la perdita) delle risorse.

Questo obiettivo è stato garantito attraverso le sinergie e le azioni messe in campo dall’amministrazione regionale, che hanno portato progressivamente all’eliminazione di tutte le criticità passate.

L’intenso lavoro messo in campo ha prodotto spese relative ad operazioni rientranti nei seguenti ambiti tematici:

  • Ricerca e Innovazione: 59,1 Mln/€;
  • ICT e Agenda Digitale: 23,2 Mln/€;
  • Competitività del sistema produttivo: 39,7 Mln/€;
  • Energia sostenibile: 105,9 Mln/€;
  • Prevenzione dei rischi naturali e antropici: 63,2 Mln/€;
  • Tutela e valorizzazione del patrimonio naturale e culturale: 238,6 Mln/€;
  • Trasporti: 54,3 Mln/€;
  • Inclusione Sociale: 18,4 Mln/€;
  • Infrastrutture per il sistema regionale dell’istruzione: 32,1 Mln/€.

Il risultato (a cui vanno aggiunti i fondi della certificazione per il rafforzamento amministrativo-assistenza tecnica) è stato ottenuto senza ricorrere alla riserva, quantificata in circa 100-130 Mln/€, costituita dagli interventi programmati sul POR FESR 2014-2020 ed interessati da effetti cosiddetti sospensivi (eccezione prevista dall’art. 87 c.1 lettera a. del Reg. (UE) n. 1303/2013 secondo cui l’importo interessato dal disimpegno automatico si intende ridotto degli importi equivalenti alla parte dell’impegno di bilancio per la quale le operazioni sono sospese).

In pratica, la Regione Campania si è attenuta pianamente alle indicazioni della Commissione europea e allo spirito della Politica di Coesione senza ricorrere a meccanismi contabili. In tutto sono stati utilizzati, tra FESR, FSE e PSR, circa 1.180 milioni di euro.

C.S.

Regione, Conferenza stampa di fine anno, De Luca: “Parliamo con i fatti. Il 2019 anno del lavoro”

Conferenza stampa di fine anno, De Luca: “Parliamo con i fatti. Il 2019 anno del lavoro”

 Presentato presso la Sala De Sanctis di Palazzo Santa Lucia, nel corso della conferenza stampa di fine anno del Presidente Vincenzo De Luca, l’opuscolo “Un anno per la Campania”, il resoconto delle attività e degli obiettivi raggiunti dalla Regione Campania nell’anno appena trascorso. Il volume è suddiviso per tematiche – sanità, ambente, lavoro, attività produttive, giovani, politiche sociali, ricerca, innovazione, strade e infrastrutture – per ognuna delle quali vengono indicate in maniera puntuale le attività completate.

“Il resoconto delle cose realizzate parla con i fatti, secondo la linea che da sempre seguiamo: la concretezza, contrapposta alle parole. È un dovere di correttezza nei confronti dei cittadini. È l’unico modo per consentire a ciascuno di valutare il nostro lavoro”, commenta così il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Tra i principali obiettivi raggiunti sono da sottolineare: il Piano per il Lavoro della Campania che vedrà la luce con il corso-concorso a primavera per avviare al lavoro 10.000 campani. L’approvazione del Piano Ospedaliero che consente la stabilizzazione dei precari, lo svolgimento dei concorsi e la difesa dei territori.

Nel 2019 si vedranno i frutti dell’imponente programma di acquisto di autobus e treni per il trasporto pubblico. Sempre in primavera partiranno le Universiadi 2019, il più grande evento sportivo italiano dalle Olimpiadi invernali di Torino. Si sono finanziati lavori per strade regionali per più di 500 milioni di euro, si confermano gli abbonamenti gratuiti per circa 130.000 studenti campani, così come sono in corso iniziative importanti per la scuola, la cultura, il turismo. Non ultime le politiche sulla sicurezza nei quartieri e nelle città con i tanti impianti di videosorveglianza che la Regione ha voluto installare nelle zone maggiormente a rischio perché la sicurezza è un diritto di tutti.

“Il 2019 sarà l’anno del lavoro: il nostro più grande obiettivo per dare a un’intera generazione di ragazze e di ragazzi la possibilità di costruirsi un futuro senza dover emigrare”, ha concluso De Luca.

Per un quadro completo delle attività del 2018, è possibile scaricare l’opuscolo integrale: “Un Anno per la Campania 2018”

C.S.

Campania,”Imparare lavorando”: contro la dispersione scolastica parte il sistema duale di formazione

"Imparare lavorando": contro la dispersione scolastica parte il sistema duale di formazione

Oltre 19 milioni di euro per i percorsi formativi di istruzione e formazione professionale inseriti nel sistema duale – “imparare lavorando”, per soddisfare i fabbisogni formativi emersi dalle evoluzioni sociali e dal mondo produttivo.

La Regione  Campania, finanzia circa 60 percorsi  di durata triennale o annuale per il conseguimento di quelle qualifiche professionali, rivolte a più di 1000 giovani ogni anno dai 15 ai 29 anni che, conclusa la scuola secondaria di primo grado, decidono di proseguire il percorso di studio nel canale della formazione professionale.

La programmazione, che con un’altra azione concreta conferma l’impegno nel sociale dell’amministrazione De Luca, si colloca nel sistema dell’offerta formativa regionale ed è finalizzata a garantire l’assolvimento dell’obbligo di istruzione e del diritto-dovere all’istruzione e formazione professionale, facilitare le transizioni tra il sistema della formazione e il mondo del lavoro, fornire una risposta coerente ai fabbisogni formativi e professionali dei diversi territori.

“Il sistema duale – spiega l’assessore alla formazione e alle pari opportunità Chiara Marciani – rappresenta un modello di formazione professionale completamente nuovo per la nostra Regione, alternata tra formazione  e esperienze lavorative  che vede le istituzioni formative e i datori di lavoro fianco a fianco nel processo formativo.

Gli obiettivi sono molteplici: contrastare la dispersione scolastica; favorire la transizione dal mondo della scuola a quello del lavoro; sostenere l’occupabilità dei giovani, senza dimenticare i più fragili, attraverso gli strumenti dell’apprendimento per la qualifica professionale, dell’impresa simulata, dell’alternanza scuola lavoro e del contratto di apprendistato.

I risultati ottenuti e le testimonianze dei ragazzi che hanno partecipato alla sperimentazione sottolineano la validità di questo percorso in continua crescita, su cui la Regione ha investito con convinzione”.

C.S.

Regione, opportunità e strumenti per l’occupazione e l’imprenditorialità

regione-campania

Si è tenuta Sabato scorso presso il Complesso Universitario Federico II di San Giovanni a Teduccio, Youth Village 2018, iniziativa dedicata alle competenze e agli ambienti per lo sviluppo, con speciale focus su giovani e imprenditorialità innovativa.Temi portanti dell’iniziativa, gli strumenti e i nuovi bandi dedicati ai giovani, oltre a un’azione di networking verso le startup innovative con l’obiettivo di facilitare la relazione con il mondo della finanza, e la conoscenza delle opportunità derivanti dai programmi di accelerazione europei e internazionali.Ad aprire la giornata, il convegno “Strategie e Strumenti per stimolare la scoperta imprenditoriale in Campania”, con gli assessori regionali Valeria Fascione, Chiara Marciani, Sonia Palmeri e l’onorevole Andrea Cozzolino, vice presidente Commissione Sviluppo Regionale del Parlamento europeo e con la partecipazione di Gian Paolo Manzella, assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio, in visita agli spazi del Polo Universitario di Napoli.“La valorizzazione del capitale umano è il nostro primo obiettivo. La Regione ha predisposto numerose opportunità per i giovani. Il tema delle startup è attuale, abbiamo già investito risorse importanti e ci stiamo preparando all’apertura di nuovi bandi, nel 2019, per favorire la nascita e il consolidamento delle startup. Dunque un supporto a 360 gradi che trova il suo completamento nella piattaforma di Open Innovation che vuole essere una vetrina per innovatori.” Così ha commentato durante i lavori, l’assessore all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione, Valeria Fascione.“In tema di lavoro” è intervenuto l’assessore al Lavoro e alle Risorse Umane, Sonia Palmeri “la Regione Campania ha creato misure per tutti: giovani, disoccupati, donne, disabili, categorie protette. Abbiamo dotato ciascuno dei target di uno zainetto di opportunità per essere appetibili al mercato del lavoro. Allo stesso tempo, lavoriamo sulle infrastrutture, mettendo in piedi servizi sempre migliori: sono pronti 16 milioni e mezzo per il miglioramento dei 46 Centri per l’Impiego sul territorio regionale. Con la misura europea di Garanzia giovani, ad esempio, abbiamo avuto un elevato successo: oltre 31 mila assunzioni, 13 mila giovani formati, ma soprattutto sono nate circa 500 piccole imprese grazie all’auto imprenditorialità. Giovani che restano nella loro terra e si mettono in gioco con grande entusiasmo.Focus su nuovi strumenti per imprenditrici da parte di Chiara Marciani, assessore alla Formazione e alle Pari Opportunità: “La Regione mette a disposizione di tutte le donne un finanziamento di oltre 10 milioni di euro per creare un’attività imprenditoriale al femminile. L’elemento nuovo è che vogliamo essere presenti in tutte le fasi, dall’idea progetto fino alla nascita dell’impresa. Inoltre, c’è la possibilità di avere un voucher di 5 mila euro per essere formati su una determinata attività che venga ritenuta utile per la crescita dell’azienda”.Positivo il commento di Gian Paolo Manzella, assessore allo sviluppo economico della Regione Lazio “Si deve sempre più accelerare sulla collaborazione fra regioni nel campo delle politiche per le startup, la creatività e l’innovazione. Siamo due regioni con centri universitari d’eccellenza, con un capitale umano con doti uniche di creatività, con risorse europee a disposizione per finanziare programmi e iniziative legate all’innovazione. Tutte condizioni che dicono che tra Campania e Lazio vanno trovate forme di collaborazione e valorizzazione che ci permettano di stare in Europa e nel mondo come ‘sistemi’. Costruire sempre più un ecosistema comune, questo deve essere l’obiettivo dei prossimi anni. Nel segno di un’Europa che vuole collaborazione tra gli enti territoriali e concentrazione delle risorse su progetti innovativi e di sistema”.Oltre ai lavori in plenaria, l’iniziativa ha offerto ai giovani presenti diversi momenti di approfondimento, grazie ai corner informativi di Sviluppo Campania, società in-house della Regione Campania, dell’incubatore certificato Campania NewSteel, di SellaLab, di EIT – Health e di altri soggetti che operano per supportare la creazione di impresa e il trasferimento tecnologico.A chiudere la giornata, la conferenza stampa che ha annunciato il primo Innovation Village Award, sostenuto in collaborazione con l’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (AsviS), che premierà le esperienze di innovazione che possono contribuire al raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile fissati dall’ONU nel corso di Innovation Village che si terrà dal 4 al 6 aprile 2019 al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa.

C.S.

Regione, JAVA per la Campania: avviso manifestazione di interesse per le imprese

5hi4tqh6m3hky8ez

Con un Decreto Dirigenziale del 05/12/2018 della Direzione Generale Istruzione, Formazione, Lavoro e Politiche Giovanili, la Regione Campania ha emanato l’Avviso pubblico per la manifestazione di interesse da parte delle imprese che intendano fruire delle agevolazioni previste dal progetto Java per la Campania per l’accompagnamento verso il mercato dei giovani che hanno conseguito la certificazione Java Programmer I al termine dei corsi tenuti da Oracle Italia. Le agevolazioni prevedono: Incentivo all’assunzione a favore dei primi 50 allievi che hanno superato il test di certificazione con il punteggio più alto per un ammontare pari a € 5.000,00 per ciascun giovane avviato al lavoro; Tirocini rivolti agli allievi che hanno superato il test di certificazione posizionandosi tra il 51° e il 100° posto della graduatoria stilata in base al punteggio conseguito con un’indennità mensile di € 500 per sei mesi, per un totale di € 3.500,00 comprensivi degli oneri assicurativi. Il progetto Java per la Campania, finanziato con risorse a valere sul POR Campania FSE 2014/2020, si inserisce nella più ampia strategia regionale di innovazione dei processi formativi e di accompagnamento al lavoro, con particolare riferimento ai giovani a skill elevate e in transizione dai percorsi scolastici ed universitari verso il mercato del lavoro. Il progetto intende garantire l’aumento di high skills in ambito ICT e particolari linguaggi informatici per giovani talenti campani e consentire al sistema della domanda locale di fruire di un sistema integrato di incentivi per accogliere i giovani. La domanda di adesione ad una o entrambe le azioni potrà essere presentata unicamente attraverso il sistema Informativo di progetto (piattaforma), raggiungibile all’indirizzo bandi.sviluppocampania.it o al sito http://www.fse.regione.campania.it.

REDAZIONE

REGIONE, DISABILI, DUE MILIONI PER LA FORMAZIONE

1524944698263.jpg--disabili_gravissimi__musumeci_firma_il_decreto__sbloccati_49_milioni

La Giunta regionale ha stanziato un finanziamento di 2 milioni di euro per percorsi formativi a favore dei disabili. “Si tratta – ha spiegato l’assessore alla Formazione ed alle Pari opportunità Chiara Marciani – di un importante intervento che ha come finalità l’inclusione sociale, l’inserimento e il reinserimento nel mondo del lavoro delle persone con disabilità”. I percorsi formativi valorizzeranno attraverso percorsi non formali ed informali le competenze e le conoscenze utili al raggiungimento delle qualifiche professionali. L’obiettivo è promuovere le capacità dei soggetti disabili individuando figure professionali al passo con i tempi, superando lo stereotipo secondo cui solo poche e classiche figure professionali possano essere oggetto di formazione per disabili. Sono invece molti gli ambiti in cui lavorare: dall’agroalimentare, al turismo, al settore informatico.”Prosegue l’impegno straordinario della Regione sui temi della disabilità e del sostegno alle fasce più deboli – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca. Ieri abbiamo incontrato le associazioni ed abbiamo annunciato il rifinanziamento della legge 41 per offrire più sostegno, servizi e assistenza ai disabili. Abbiamo previsto il raddoppio dei fondi per garantire loro sempre più diritti e opportunità”.

C.S.