Vallo della Lucania, piano triennale per l’edilizia scolastica: previsti interventi per gli istituti “Torre” e “Parmenide”

liceo-parmenide-vallodellalucania1
La Giunta Regionale della Campania, ha disposto l’avvio della Programmazione regionale in materia di edilizia scolastica per il triennio 2018/2020. A tal proposito ha individuato gli interventi relativi a strutture che presentano il massimo rischio strutturale e sismico e al completamento degli istituti scolastici i cui lavori sono iniziati ma mai terminati per carenza di fondi. Di conseguenza è prevista la finanziabilità dei progetti inseriti nel Piano Triennale 2018/2020 al quale l’amministrazione comunale di Vallo della Lucania retta dal sindaco Antonio Aloia ha intenzione di candidarsi. L’intento è quello di intervenire in particolar modo sull’edificio scolastico sede del plesso “Torre” della scuola secondaria di primo grado e dell’istituto di istruzione Superiore “Parmenide” con opere di demolizione e ricostruzione in situ in accordo con l’Amministrazione Provinciale di Salerno. Ciò per consentirne la messa in sicurezza sotto il profilo delle caratteristiche strutturali e sismiche. Ma il responsabile del Settore Lavori Pubblici ha comunicato di essere impossibilitato a seguire da solo l’intero iter procedurale per la definizione degli interventi da presentare al Piano Triennale, non disponendo di adeguate professionalità all’interno del proprio ufficio. Di conseguenza ha manifestato la necessità di avvalersi di professionisti esterni mediante l’affidamento di incarico di supporto al Rup nel rispetto della normativa vigente.

REDAZIONE

Vallo della Lucania, lavori di ampliamento per la scuola dell’infanzia “G.Rodari” per realizzazione di Nido e Micronido

 

7190842429
Approvato il secondo livello progettuale dei lavori di ampliamento dell’edificio della scuola dell’infanzia “G.Rodari” sita in piazza De Hippolytis nel comune di Vallo della Lucania per la realizzazione di un Nido e Micronido. Il progetto, redatto dal dipendente arch. Massimo Sansone, è uno stralcio del progetto di fattibilità tecnico economica dei lavori di adeguamento di tale edificio approvato con una delibera del 10 Gennaio scorso. Il progetto definitivo prevede una spesa pari a 950.000,00 euro da destinare ad opere con elementi caratteristici di innovazione tecnologica, tra cui l’inserimento di fonti energetiche alternative (fotovoltaico), nonchè l’utilizzo di materiali ad elevata compatibilità e sostenibilità ambientale. Pertanto è intenzione dell’amministrazione comunale candidare l’opera a finanziamento a valere sugli aiuti messi a disposizione dal POR Campania FESR 2014/2020 nell’ambito dell’Asse 8 che finanzia piani di investimento comunali finalizzati anche al recupero di infrastrutture esistenti conformi alla normativa regionale. Tuttavia il comune si impegna a sostenere l’onere derivante dalla manutenzione e dalla gestione dell’opera per almeno i 5 anni successivi alla conclusione del progetto che è stato verificato anche dal RUP. Obiettivo del progetto in questione è favorire il sostegno ai nuclei familiari nell’accesso alla rete di servizi per la prima infanzia.

REDAZIONE

Agropoli, ottima qualità del mare di Agropoli: il risultato da un progetto di alternanza scuola-lavoro dell’I.I.S. “Vico-De Vivo”

agropoli-trentova-riqualificazione
Gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Vico-De Vivo” di Agropoli sono stati impegnati in un progetto di alternanza scuola–lavoro che li ha visti impegnati nel monitoraggio chimico e microbiologico delle acque costiere cilentane. Relativamente ad Agropoli, dal referto è emerso che i parametri chimici, chimico-fisici e microbiologici rilevati sono tutti entro i limiti fissati dalla normativa vigente sulle acque di balneazione e che le stesse «possono essere considerate di ottima qualità e sicure per la balneazione». Gli analisti sono stati gli allievi delle classi terza e quarta dell’indirizzo Chimica e Materiali. I docenti tutor scolastici sono stati: Prof.ssa Patrizia Coluzzi – Prof.ssa Paola Ristuccia; i tutors aziendali: Dott. Giuseppe Strifezza – Dott.ssa Maria Rosaria Trofa; gli assistenti tecnici: Cinzia Perrotti e Michele Giannella. L’attività analitica è stata eseguita nei laboratori di chimica analisi strumentale e di microbiologia dell’istituto scolastico, e nei laboratori della struttura ospitante, Gruppo Atis Società cooperativa di Bellizzi. Il percorso formativo è stato in parte finanziato con fondi europei, nell’ambito del progetto “Gestire l’Ambiente, il Territorio ed il suo Patrimonio” – Potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro. «Non avevamo dubbi – affermano all’unisono il Sindaco Adamo Coppola e l’Assessore al Porto e Demanio, Eugenio Benevento – sullo stato delle acque del nostro mare. Un progetto senz’altro interessante, quello dell’Istituto “Vico-De Vivo” che si unisce al piano di monitoraggio costante da noi messo in campo per salvaguardare e preservare il nostro bene più prezioso, il mare».

C.S.

Agropoli, il 1° Circolo Didattico partecipa all’iniziativa nazionale Il Maggio dei libri

locandina 1 circolo

Fervono ormai da giorni i preparativi! Alunni e maestre preparano le attività conclusive di percorsi svolti durante l’anno scolastico in cui la parola d’ordine è stata: “Leggere, e leggere ovunque”. Gli alunni delle classi seconde e terze della Scuola Primaria, gli alunni della scuola dell’infanzia, sono pronti a cimentarsi, sono pronti a portare fuori dalla scuola, luogo abitualmente preposto alla lettura, l’amore e il piacere di leggere. Quest’anno ricorrono i 70 anni dell’entrata in vigore della Costituzione italiana, i cui principi si fondono sulla libertà, primo diritto insormontabile dell’uomo. “Libertà” interpretata sia come “libertà fisica” cioè diritto alla vita, alla salute, all’integrità fisica, sia come “libertà morale” cioè diritto di manifestare il proprio pensiero. Pensiero che si affina e diventa critico e quindi azione responsabile e consapevole attraverso la lettura. Perché la lettura fa conoscere e chi conosce sceglie! Ha il coraggio di essere se stesso e di vivere la vita! Perché, “Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria! Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è una immortalità all’indietro”(U. Eco). Perché la lettura ti fa entrare in altri mondi e ti fa vivere mille e mille avventure! Perché leggere insegna a VOLARE!Mercoledì 30 Maggio 2018, dalle ore 10.15, in Piazza della Repubblica … per volare insieme, adulti e bambini!

C.S.

Castellabate, IC Castellabate, festa della musica e dell’impegno con “Uniti nella musica”

 

-DS Amoriello e Angela Musco
È stata una grande festa della musica e dell’impegno alla cittadinanza attiva quella che si è svolta sabato 12 maggio 2018 a Santa Maria presso la sede centrale dell’Istituto Comprensivo Castellabate. L’occasione è stata offerta dalla manifestazione “Uniti nella musica”, voluta dalla scuola cilentana a chiusura della “Settimana nazionale della musica a scuola”, ma anche in adesione alla mobilitazione nazionale degli scuole italiane per la pace in Siria e in riferimento alle celebrazioni per i 70 anni della nostra Costituzione.

La mattinata, densa di eventi, si è aperta con i saluti della dirigente scolastica Gina Amoriello e una lezione-concerto della violinista Angela Musco, che esegue concerti in tutto il mondo e realizza attività didattiche presso le accademie musicali e le scuole della Campania.
Si è tenuta poi l’esibizione delle classi I, II e III della Scuola secondaria di I grado dei plessi di Perdifumo, Santa Maria e Castellabate, che hanno eseguito alcuni brani per flauto tratti dal repertorio della musica popolare e napoletana e grandi classici della musica leggera.
La lettura di componimenti a tema ha scandito le varie fasi della manifestazione che hanno visto un crescendo di emozioni con le attività realizzate dagli alunni in adesione alla manifestazione nazionale “Scuole in piazza per la pace in Siria”: temi, pensieri, cartelloni, video e presentazioni multimediali hanno contrassegnato questo momento di grande partecipazione alle vicende del popolo siriano.
L’ultima parte della mattinata ha visto la consegna di una copia della Costituzione ad una rappresentanza di alunni delle classi terze e la distribuzione a tutti gli studenti del volumetto contenente la Carta fondamentale, realizzato su iniziativa della Presidenza della Repubblica e del Ministero dell’Istruzione.

«Siamo contenti di aver offerto ai nostri ragazzi una significativa occasione per essere sempre più protagonisti della loro crescita – spiega la dirigente scolastica Gina Amoriello – Molto interessante è stato l’approfondimento sul violino presentato della musicista Angela Musco, la cui capacità comunicativa ha coinvolto i presenti. Pregevoli anche le attività coordinate dal nostro valido corpo docente: di grande intensità sono state sia le esibizioni musicali dei ragazzi sia i lavori che hanno presentato per dare voce alla drammatica quotidianità vissuta dal popolo siriano. Consegnando agli studenti una copia della Costituzione, li ho invitati a leggerla per approfondire i principi e i valori che sono alla base della nostra comunità».

C.S.

Pollica, l’I.C. “G.Patroni” diventa presidio scolastico di Libera intitolato ad Angelo Vassallo 

 

30715435_1886447124713421_7515750040685471737_n
L’ I.C. “G.Patroni” di Pollica diventa presidio scolastico di Libera, intitolato alla memoria di Angelo Vassallo e il primo nella provincia di Salerno. Il patto di presidio sarà’ firmato da don Luigi Ciotti e dalla comunita’ scolastica Venerdì 27 Aprile alle ore 11.00. All’inaugurazione saranno presenti la Dottoressa Luisa Franzese,direttore generale dell’USR Campania, Alessandra Clemente, assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli, il magistrato Alessandra Concilio. Presenti anche i familiari delle vittime innocenti delle mafie, i familiari di Angelo Vassallo e il dirigente scolastico, prof. Angela Procaccini. Tra gli invitati anche la Dott.Serena Angioli,assessore alle politiche giovanili e ai Fondi Europei della Regione Campania, la dott.Marina De Blasio, referente regionale dell’USR Campania per l’Educazione alla legalita’ e per il bullismo e cyberbullismo. Libera è una rete di associazioni, cooperative sociali, movimenti e gruppi, scuole, sindacati, diocesi e parrocchie coinvolti in un impegno non solo contro le mafie, la corruzione e i fenomeni di criminalità, ma in particolare per la giustizia sociale, per la tutela dei diritti, per una politica trasparente e per una legalità democratica fondata sull’uguaglianza. Nata nel 1995 e presente su tutto il territorio italiano in 20 coordinamenti regionali, 82 coordinamenti provinciali e 278 presidi locali, Libera si impegna costantemente nel mantenere vivo il ricordo e la memoria delle vittime innocenti della mafie.

REDAZIONE

Agropoli, messa in sicurezza e riqualificazione energetica della scuola elementare”Gino Landolfi”

 

SAMSUNG
Considerato che il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha indetto l’Avviso pubblico del 16 Agosto 2017 per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico, l’amministrazione comunale della città di Agropoli retta dal sindaco Adamo Coppola ha intenzione di parteciparvi. In particolare l’obiettivo è infatti quello di approvare il progetto definitivo per la “Realizzazione di interventi strutturali di messa in sicurezza e riqualificazione energetica della scuola Gino Landolfi”. Si tratta di un progetto redatto dall’ing. Niggio Bonadies e che prevede un importo pari a 3.200.000,00 euro, di cui 2.350.000,00 per lavori e 850.000,00 per somme a disposizione dell’Amministrazione. Ma l’ente comunale, non avendo a disposizione i fondi del bilancio comunale per l’esecuzione dei suddetti interventi, ha candidato il progetto a finanziamento del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che stanzia fondi per interventi che interessano gli edifici adibiti a sedi scolastiche. Il geometra Sergio Lauriana invece, Funzionario dell’Area Lavori Pubblici Tecnico – Manutentiva Porto e Demanio, in qualità di Responsabile Unico del Procedimento, dovrà provvedere all’individuazione dei successivi livelli di progettazione, anche con riferimento alla partecipazione di richieste di finanziamento. Solo di recente la scuola elementare Gino Landolfi è stata al centro di numerose polemiche per via di una sua possibile instabilità considerato che la struttura, la cui costruzione risale agli anni ’50, esige di adeguate opere di riqualificazione.

REDAZIONE

Vallo della Lucania, un progetto per la riqualificazione esterna della scuola primaria “Aldo Moro”

scuola-aldo-moro
L’Amministrazione comunale di Vallo della Lucania ha in programma un progetto che prevede la riqualificazione esterna dell’edificio della scuola primaria “Aldo Moro” sita in Piazza dei Martiri a Vallo della Lucania,nonchè il relativo efficientamento energetico e adeguamento sismico e impiantistico. Gli interventi hanno un costo pari a circa 3.000.000,00 euro. Si intende candidare l’opera a finanziamento a valere sugli aiuti e le risorse messi a disposizione con avviso MIUR nell’ambito del Piano Operativo Nazionale (PON) “per la scuola” 2014/2020. Gli interventi sono resi possibili grazie alla pubblicazione da parte del MIUR dell’avviso pubblico per la presentazione di proposte progettuali per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici adibiti ad uso scolastico. Il PON “per la scuola” ha una duplice finalità: da un lato perseguire l’inclusione, l’equità, la coesione e il riequilibrio territoriale, favorendo la riduzione della dispersione scolastica e dei divari tra territori, scuole e studenti in condizioni diverse; dall’altro mira a valorizzare e sviluppare le potenzialità e i talenti anche attraverso la promozione delle competenze trasversali degli studenti. I beneficiari ammessi a presentare proposte sono gli Enti locali proprietari degli edifici scolastici delle 5 regioni meno sviluppate: oltre la Campania quindi anche Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia.

C.S.

Agropoli, l’I.C. Agropoli San Marco celebra la Festa del Piano Nazionale Scuola Digitale

26794044_10211476466769430_40563930_n

L’I.C. Agropoli San Marco della città di Agropoli partecipa all’evento nazionale Festa del Piano Nazionale Scuola Digitale in programma il 19 e 20 Gennaio 2018. A due anni dalla definizione del Piano che ha stabilito i principali indirizzi in materia di innovazione della scuola italiana, anche in questo anno scolastico il MIUR promuove l’evento, che si terrà dal 18 al 20 gennaio 2018.Eventi, iniziative e confronti per raccontare e approfondire i temi del PNSD, con laboratori, biblioteche e atelier aperti, buone pratiche, gare di innovazione, hackathon e concorsi per le scuole. Si parte Venerdì 19 Gennaio alle ore 15:30 con il primo Caffè Digitale “Classi virtuali e dintorni” Formazione e scambio di esperienze sulle classi virtuali, per lo più informale, con partecipazione di docenti, genitori ed enti locali. Sabato 20 Gennaio invece è prevista per le ore 9.00 Coding gara di attività laboratoriali per conoscere e capire il linguaggio della programmazione in coerenza con CodeWeek e con l’Ora del codice. Dopodichè alle ore 16.00 è prevista Robotica gara di attività laboratoriali per conoscere e capire soluzioni legate alla robotica e per la produzione di oggetti digitali.

REDAZIONE

Agropoli, M5S, scuola Landolfi:”edificio nelle stesse condizioni di prima della chiusura”

m5s
Continua l’attenzione del Meetup Agropoli 5 Stelle e del portavoce eletto Consolato Natalino Caccamo sul tema “sicurezza scolastica”.
Diversi sono infatti i plessi scolastici che sono stati visitati con il fine di addivenire ad un quadro completo dello stato attuale degli edifici scolastici di Agropoli.
La visita di venerdì 11 u.s. all’Istituto Gino Landolfi è stata dunque solo una delle tante che negli ultimi mesi abbiamo effettuato e che avevamo in programma. Essa è stata anche sollecitata dalla richiesta di chiarimenti di alcuni concittadini che avevano male interpretato le ragioni del posticipo del rientro scolastico post natalizio, disposto con ordinanza sindacale.
Al momento del sopralluogo, concordato con la Dirigente (con la quale abbiamo dialogato proficuamente ed in termini propositivi), erano ancora in corso lavori di sistemazione dell’intonaco nei punti in cui erano stati effettuati i prelievi di materiale da analizzare ai fini della progettazione dell’adeguamento dell’edificio e per accedere a fondi volti ad agevolare tali adeguamenti. In alcune aree, inoltre, si stava procedendo alle pulizie dei locali.
Abbiamo acclarato ciò che già sapevamo: l’edificio era nelle stesse condizioni in cui versava prima della chiusura! Quindi il nostro auspicio è che la politica cambi finalmente rotta e che la sicurezza dei nostri figli diventi una priorità non solo a parole ma a fatti.
Risulta evidente che i lavori per la costruzione del nuovo plesso, inconcepibili per i nostri tempi, abbiano arrecato forti disagi ai bambini e che non possiamo escludere la possibilità che abbiano ulteriormente indebolito la vecchia struttura, considerando lo stato dei luoghi.
Abbiamo trovato, inoltre, numerose lesioni a ridosso di pilastri e travi e siamo venuti a conoscenza, per bocca della Dirigente stessa, che nelle verifiche dei Vigili del Fuoco quest’ultimi abbiano fatto richiesta di una scala di emergenza da installare nei pressi del l’angolo oratorio, per permettere l’evacuazione dei piani superiori sprovvisti attualmente di apposita sicurezza. Ci sembra grave che ad oggi non venga nemmeno messa in preventivo l’installazione.
La maggioranza paventava l’estrema ipotesi di spostare gli alunni o alcune classi, ma quali e quanti dei 550 alunni ? Inoltre abbiamo constatato che la nuova struttura è priva di servizi igienici e di vie di fuga! Quindi attualmente non idonea, dopo anni di lavoro e molti soldi pubblici spesi.
Ci dispiace che la scarsa e non corretta informazione (probabilmente causata da chi, all’indomani dell’emanazione dell’ordinanza, doveva convocare i genitori per spiegare loro cosa stesse accadendo e invece ha deciso di farlo dopo il nostro innocuo e cordiale sopralluogo) abbia creato allarmismo.
L’incontro straordinario organizzato dal Sindaco ci è parso più una trovata per scaricare responsabilità politiche e programmatiche su terzi piuttosto che per trovare soluzioni. Inoltre: Se foto non attuali sono state immesse in rete non sono le nostre. Quelle pubblicate da noi evidenziano lo stato dell’edificio in data 11 Gennaio 2018.
Infine, per andare al concreto, perché è quello che ci interessa, tra le soluzioni più ragionevoli per assicurare il meglio ai nostri figli ci pare essere quella di spostare le aule al piano terra della Casa Comunale, sismicamente adeguata e già cablata: in poco tempo potrebbe essere adeguata a garantire tutto ciò che serve in una scuola! Gli uffici comunali ivi ubicati potranno essere, temporaneamente e senza grande sacrificio, spostati nel plesso scolastico più adatto ai pochi dipendenti che vi operano.
Nel frattempo si potrebbero adeguare i plessi scolastici o addirittura realizzare un campus scuola per i nostri figli, come già anche previsto nel Programma 5 Stelle, ma come ogni buon padre di famiglia avrebbe fatto già da molto tempo.

C.S.