CAMEROTA, DICHIARAZIONI DEL SINDACO SCARPITTA SUL CARNEVALE DEL CILENTO

 

Carnevale del cilento
La dichiarazione del Sindaco di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, al termine della quinta edizione del Carnevale del Cilento organizzato dalle associazioni ‘Eso Es Palinuro’ e ‘Marina 3000’ nelle giornate di 14 e 15 aprile 2018.

«Straordinario pomeriggio a Marina di Camerota. Ancora una volta protagoniste le associazioni del territorio. ‘Marina 3000’ ed Eso es Palinuro hanno svolto un lavoro eccezionale. Voglio complimentarmi anche con i carristi, le sarte e le truccatrici: i costumi e i carri in gara erano uno più bello dell’altro. Una festa di colori, fantasia e gioia. I nostri giovani sono davvero una risorsa preziosissima per il nostro Comune.

E’ stata una giornata fantastica per tutto il territorio. Una manifestazione che crea indotto e fa respirare un po’ tutti. Eventi così fanno bene a tutto il popolo di Camerota. Stasera ha vinto – a prescindere dalla classifica – la voglia di divertimento e il clima di festa che si respirava sul nostro bellissimo lungomare. I giudici hanno avuto un compito molto duro, perchè decretare un vincitore quando ci sono lavori che rasentano il professionismo, non è cosa semplice.

Oggi, inoltre, ho visto una bella fetta di Cilento che si è unita e insieme si è divertita e ha fatto divertire migliaia di persone. Ancora complimenti agli organizzatori e ai paesi che hanno partecipato. Ringrazio i popoli di Palinuro, San Severino di Centola, Scario, Sapri, Agropoli e Stio Cilento che si sono uniti ai nostri paesi e hanno dato vita ad uno spettacolo unico grazie al grande lavoro dei ragazzi di ‘Marina 3000’ ed ‘Eso Es Palinuro’».

C.S.

Agropoli, Allarmismi inutili in merito alla scuola elementare “Landolfi”, Coppola: «Stigmatizzo il comportamento di chi gioca sulla pelle della gente»

foto incontro (1)
Sventato l’ennesimo tentativo da parte del locale Movimento Cinque Stelle di delegittimare l’azione amministrativa del Sindaco Adamo Coppola e della sua Amministrazione creando un allarmismo ingiustificato tra i genitori degli alunni su presunte criticità presenti all’interno della scuola elementare “G. Landolfi”. Alcune foto di fori operati nelle pareti, ad opera della ditta incaricata di compiere le verifiche antisismiche, o il cedimento di un po’ di intonaco sono state fatte circolare ad hoc, attraverso diversi canali, per ingenerare preoccupazione e paura. Al fine di sgombrare il campo, il Sindaco Coppola ha convocato, nel pomeriggio di oggi, un incontro con i genitori dei discenti, che si è tenuto presso l’Aula consiliare del Comune di Agropoli, per chiarire una volta per tutte la questione. Partendo da quanto già spiegato all’interno di una nota stampa divulgata nei giorni scorsi, il primo cittadino ha sottolineato: «la scuola “Landolfi” è sicura da un punto di vista della staticità; le verifiche antisismiche che abbiamo effettuato, e che sono state compiute anche alle scuole “Vairo” e “San Marco”, puntano a elaborare dei progetti esecutivi da candidare a finanziamenti ministeriali o regionali per adeguarle ai criteri antisismici. La maggior parte delle scuole di Italia – ha evidenziato – costruite prima del 2002 non sono antisismiche, d’altronde se così non fosse stato il Ministero non avrebbe messo a disposizione i fondi per adeguarle». «Anche i miei figli – ha precisato – così come quelli di tanti amministratori frequentano l’Istituto e qualora avessimo riscontrato un minimo di insicurezza, non avremmo esitato un attimo ad interdirlo». Ha illustrato la potenziale soluzione qualora la scuola in questione fosse destinataria di finanziamento: «potremmo impegnare gli spazi costruiti ex novo presso la “Landolfi”, anche con eventuale occupazione dell’area da destinare a palestra, che potrebbero venire trasformati in aule. A lungo termine, si sta studiando anche un progetto denominato “Cittadella della scuola”: edifici da adibire a scuole, da costruire ex novo lontano dal centro cittadino». E’ seguito un sopralluogo presso l’Istituto di Piazza della Repubblica: l’assessore Gerardo Santosuosso, con delega all’Edilizia scolastica, ha accompagnato le rappresentanti delle mamme a visionare tutte le aule presenti sui tre piani dell’edificio scolastico per constatare la bontà di quanto afferito. Queste ultime, al termine del tour, si sono dette tranquillizzate per la salubrità e l’integrità degli ambienti scolastici ma, nel contempo dispiaciute rispetto a chi gioca facendo leva sulla sensibilità delle persone. «La politica – ha concluso Coppola – è una cosa seria. Mi auguro che questo episodio sia da insegnamento per tutti. A chi gioca sulle pelle della gente dico che per questa volta lasciamo passare; la prossima adiremo le vie legali, procedendo ad una denuncia agli organi preposti per procurato allarme».

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, AGGIORNAMENTI SULLE CONDIZIONI DI SALUTE DEL SINDACO FRANCO PALUMBO

CAPACCIO PAESTUM AGGIORNAMENTI SU PALUMBO
Il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, resterà in osservazione presso il reparto di Neurologia Riabilitativa dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno”, dove è stato trasferito ieri sera a seguito di un malore avvertito durante un incontro pubblico che era in corso di svolgimento presso l’hotel Meridiana, in località Laura.Il primo cittadino, dapprima soccorso dai presenti, è stato trasportato in ambulanza presso la struttura ospedaliera salernitana.Dai primi accertamenti sanitari sembrerebbe che il primo cittadino di Capaccio Paestum sia stato colpito da un aneurisma cerebrale di lieve entità. Tuttavia, resterà ricoverato per eseguire ulteriori esami specialistici.Il primo cittadino è tornato vigile e cosciente in ospedale, dove ha riconosciuto e tranquillizzato familiari, assessori, consiglieri e amici, giunti presso la struttura sanitaria.“Sto bene, sto bene” sono state le sue uniche parole pronunciate prima di riposare.

C.S.

Agropoli, il Sindaco Coppola interviene su presunta isola ecologica di località Malagenia

malagenia
Il Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola, interviene in merito alla presunta isola ecologica di prossima installazione presso la periferia di Agropoli. «In località Malagenia, ad Agropoli – dichiara il primo cittadino – non nascerà un deposito di rifiuti. La Giunta Municipale ha approvato l’altro giorno il progetto definitivo per un’area da destinare a parcheggio degli automezzi della Nettezza urbana. Si tratta di qualcosa che l’Ente mette a disposizione del gestore che risulterà affidatario dell’appalto del servizio di igiene urbana; questo potrebbe anche scegliere di non servirsene, a quel punto l’operazione potrebbe anche non realizzarsi. Qualora invece l’idea dovesse concretizzarsi, l’area servirà per il deposito degli automezzi e per gli ingombranti. La stessa, tra l’altro, è collocata nell’estrema periferia e lontano dalle abitazioni. Ci fa specie tutto questo clamore, sollevato ad arte da qualcuno che, divulgando notizie distorte ed inesatte, fa solo brutte figure e crea confusione nei cittadini. Siamo pronti ad un incontro pubblico – conclude – per illustrare ai cittadini la bontà delle nostre intenzioni».

C.S.

CENTOLA, IL SINDACO STANZIOLA “NON RISPETTA LA LEGGE DEL RIO SULLE QUOTE ROSA”

1200px-Centola

Dopo mesi di contrapposizioni, tra diffide e ricorsi, dei Consiglieri del gruppo di minoranza “Movimento Civico Cambio”: Francesco Ciccarino, Maria Rosaria Lo Schiavo, Gerardo Fedullo e Marco Sansiviero, in merito al mancato rispetto da parte del Sindaco di Centola Carmelo Stanziola, della normativa sulla parità di genere nella composizione della Giunta Comunale, la dibattuta vicenda approda al T.A.R.

All’indomani dell’esito delle consultazioni elettorali svoltesi lo scorso 11 giugno nel Comune di Centola, avente popolazione pari a 5.073 abitanti, il Sindaco ha provveduto alla designazione di 4 componenti della Giunta Comunale, attinti della maggioranza, costituita da 5 uomini e 4 donne, ma nominandone uno solo di genere femminile. Mentre la legge prevede che “nelle giunte dei Comuni con popolazione superiore a 3.000 abitanti, nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura inferiore al 40 per cento, con arrotondamento aritmetico”. Nel caso specifico la presenza femminile in Giunta doveva essere di due unità, anziché di una.

Già nel dibattito apertosi in seno al Consiglio Comunale il 19 giugno 2017, i Consiglieri di opposizione, Marco Sansiviero e Gerardo Fedullo, avevano contestato al Sindaco di aver costituito la Giunta Comunale con una sola presenza femminile, invece di due, denunciando la palese violazione delle disposizioni sulla parità di genere nell’accesso alle cariche pubbliche e, in particolare, della disciplina di cui all’art. 1, comma 137, L. 7.4.2014, n. 56 (c.d. “Legge Del Rio”). Successivamente, il 17 luglio 2017, i Consiglieri di minoranza con una nota, inviata per conoscenza al Prefetto di Salerno, al Difensore civico e al Presidente della commissione pari opportunità della Regione Campania, diffidavano il Sindaco di Centola invitandolo a revocare ad horas, il decreto di nomina della Giunta comunale, con sequenzialmente nomina di una nuova Giunta nel pieno rispetto delle previsioni normative in materia di parità di genere.

A dare manforte al gruppo di opposizione è stato il “Comitato pari opportunità art. 51”, rappresentato dal Presidente Amalia Amato, che ha ulteriormente invitato e diffidato il Sindaco di Centola, con una nota dell’11 agosto 2017, a rimeditare la scelta operata nell’articolazione della Giunta, attenendosi alle vigenti prescrizioni normative in tema di parità di genere nella composizione della Giunta Comunale”.

Sta di fatto, però, che il “Primo Cittadino”, mediante risposta sia ai Consiglieri di opposizione sia al Presidente del Comitato pari opportunità art. 51, ha completamente disatteso la richiesta, asserendo la correttezza formale e sostanziale dei provvedimenti di nomina della Giunta Comunale e, nel contempo, respingendo gli anzidetti atti di inviti e diffide.

Visto ciò, il Presidente Amalia Amato, del “Comitato pari opportunità art. 51”, insieme ai componenti del direttivo, hanno dato mandato all’Avvocato Pasquale D’Angiolillo, dello studio legale “Antonio Brancaccio” di Salerno, per ricorrere contro i provvedimenti di nomina della Giunta, emessi dal Sindaco di Centola. Ora si è in attesa del responso del T.A.R.

Nel frattempo, Il Consigliere comunale Maria Rosaria Lo Schiavo, ha comunicato al Sindaco Stanziola, la sua autosospensione, per protesta, dalla “Commissione consiliare pari opportunità”, per la mancata osservanza di predetta normativa sulla parità di genere.

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, FORZATO L’INGRESSO DEI BAGNI PUBBLICI

benvenuti-a-capaccio-paestum

Il Sindaco di Capaccio Paestum presenterà oggi ai carabinieri della locale stazione di Capaccio capoluogo una denuncia querela per fare chiarezza sulla vicenda dei bagni pubblici di Piazza Tempone, il cui ingresso è stato forzato nei giorni scorsi.
«Quando si deturpa l’immagine e il buon nome della comunità che si amministra è dovere del Sindaco di quella comunità assumersi l’onere e la responsabilità dell’iniziativa . È quello che da Sindaco di Capaccio Paestum farò, sempre. In questi giorni qualcuno ha forzato e divelto il lucchetto  di ingresso  del bagno pubblico di piazza Tempone da anni chiuso  all’uso pubblico per le indecenti condizioni in cui versava . – commenta Paumbo – Qualche altro , invece , sempre in questi giorni, profittando della forzata apertura dei bagni, ha pensato bene di divulgare  notizie palesemente false procurando allarmismi inesistenti . A seguito della denuncia querela che abbiamo deciso di sporgere sarà compito della magistratura individuare gli autori delle gravi condotte e sopratutto accertare se vi è un collegamento tra l’autore dello scasso  e chi ha divulgato certe notizie. Al di là di questo, entro l’estate i bagni di piazza Tempone saranno totalmente ristrutturati ed ammodernati».

C.S.

Camerota, acqua e parcheggi: già si lavora per la prossima estate

 

20819012_10214123330376402_4303164560742723178_o.jpgWhatsApp Image 2017-09-02 at 11.57.11.jpeg
Il sindaco del Comune di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, dopo un’attenta valutazione degli ultimi eventi che si sono succeduti sul territorio e più precisamente in località Mingardo-Cala del Cefalo-Finocchiara, interessata dal recente intervento giudiziario sull’area prospiciente la strada regionale 562, è addivenuto alla determinazione di programmare un tavolo interistituzionale di lavoro mirato a pianificare le possibili strategie per garantire una adeguata fruibilità in sicurezza dell’area interessata e ha quindi inviato una missiva alla Regione Campania e alla Provincia di Salerno.Nello specifico la proposta di lavoro è finalizzata all’individuazione dei possibili interventi di riorganizzazione della sosta lungo l’asse viario, indispensabili al fine di garantire l’ottimizzazione in termini di sicurezza della strada a doppio senso di transito e frequentata, in modo particolare, durante la stagione estiva, da un elevato numero di veicoli in entrata e in uscita da Camerota, nonché da un elevato numero di autovetture in sosta per le molteplici strutture di supporto alla balneazione ivi installate, costituenti un importante indotto economico del territorio a forte vocazione turistica.È intenzione del primo cittadino, al fine di rendere un programma di interventi concretizzabile, disporre un concorso di idee con gli enti invitati, superando, nel contempo, eventuali problematiche che potrebbero insorgere per le particolari e complesse caratteristiche dell’area. L’amministrazione, dunque, non aspetta. Con l’arrivo di settembre già si pensa a programmare la prossima stagione estiva e a risolvere quei problemi che si sono presentati nel corso dei due mesi di punta (luglio e agosto). Dopo la richiesta di un tavolo di lavoro con i vertici della Consac (con l’avvocato Maione e con l’ingegnere Parrilli), quindi, per cercare di risolvere in maniera definitiva la problematica dell’acqua, il sindaco spera vivamente di ottenere risposte concrete anche dagli enti preposti per individuare una soluzione risolutiva ai parcheggi del Mingardo.

C.S.

Santa Marina, crisi dirica: arriva l’ordinanza del sindaco

 

SANTA MARINA CRISI IDRICA.jpg
A causa della crisi idrica che dal mese di luglio attanaglia gli abitanti del capoluogo Santa Marina, arriva l’ordinanza del sindaco in cui si stabilisce: Di procedere all’immediata esecuzione dei lavori necessari a reperire fonti di approvvigionamento idrico attraverso la trivellazione di pozzi volti alla ricerca di acqua da destinare ad uso potabile; di autorizzare la deroga alla generale disciplina prevista dal decreto legislativo 50/2016 in ordine alla scelta della ditta appaltatrice di lavori de quibus; di consentire l’accesso nei terreni interessati per la realizzazione dei lavori previsti. All’ing. Carmine Del Verme dirigente dell’area tecnica del Comune, di provvedere, a mezzo di ditta appaltatrice, all’immediata esecuzione dei lavori sopra indicati e demanda il Responsabile dell’Ufficio Tecnico ed ai Vigili Urbani l’adempimento delle formalità esecutive della presente ordinanza e al responsabile dell’Ufficio di ragioneria, l’adempimento delle formalità esecutive relative alla previsione e regolarizzazione della spesa.“Da troppo tempo ormai i cittadini di Santa Marina sono costretti a subire disturbi e disagi a causa della crisi idrica – Spiega il Sindaco Giovanni Fortunato- la distribuzione dell’acqua, nel capoluogo, viene interrotta già nelle prime ore del mattino e alcune abitazioni, poste nella parte alta del paese sono prive dell’acqua potabile da svariati giorni. La situazione di carattere straordinario sta determinando una situazione di grave pregiudizio nei confronti dei residenti con notevoli ripercussioni sulla situazione igienico sanitaria dell’intera collettività. La necessità di reperite nuove fonti di approvvigionamento idrico- continua il primo cittadino- è diventata impellente, per questo si è resa necessaria l’attuazione di una soluzione definitiva, identificata nella trivellazione di pozzi volti alla ricerca di acqua da destinare ad uso potabile, per salvaguardare la salute dei miei cittadini, dato che questa condizione di crisi è destinata a perdurare ancora per molte settimane”.

C.S.

Capaccio Paestum, la festa per la vittoria di Palumbo

 

ajaxmail

Il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, insieme ai consiglieri eletti e a tutti i sessantaquattro candidati ringrazieranno con una festa pubblica i cittadini di Capaccio Paestum per la fiducia concessagli nelle due tornate elettorali dell’11 e del 25 luglio. La festa si terrà martedì 25 luglio alle 20.30 a Piazza Santini, a Capaccio Scalo.
L’evento è stato organizzato a distanza di un mese esatto dalla data della votazione ( 25 giugno), che ha sancito la vittoria della coalizione Palumbo.
“Sarà l’occasione per ringraziare pubblicamente tutti i cittadini di Capaccio Paestum. – afferma il Sindaco, Franco Palumbo – Avremo modo di trascorrere una piacevole serata in compagnia, durante la quale potremo fare anche un primissimo bilancio sulle attività in essere già nel primo mese di mandato”.

C.S.