ALBANELLA, PATTO SICUREZZA URBANA, NUOVE TELECAMERE SUL TERRITORIO

 

agropoli-telecamere-di-videosorveglianza
Sottoscritto un patto per la sicurezza urbana tra il Comune di Albanella, guidato dal sindaco Renato Josca, e la Pefettura di Salerno, sotto il coordinamento del prefetto Salvatore Malfi. L’accordo punta a rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto all’illegalità sull’intero territorio urbano, avvalendosi di specifiche risorse previste in materia di videosorveglianza. Sotto l’occhio delle nuove telecamere saranno quelle zone di particolare interesse, come gli ingressi e le uscite dal territorio comunale, e che fino ad oggi sono state maggiormente interessate da situazioni di degrado e instabilità.

LE AREE INTERESSATE DAL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA

Nel dettaglio si tratta di: aree di ingresso e uscita ai confini con i comuni di Serre, Roccadaspide, Castelcivita, Altavilla Silentina e Capaccio Paestum; aree di sosta lungo la strada provinciale 11; i corsi d’acqua Cosa, Malnome e Lusa; Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto; via Roma; Corso Europa; Santuario di Santa Sofia; Piazza Martiri del Lavoro; via Fravita; via Giovanni XXIII; Borgo San Cesareo; Incrocio via San Nicola; Bosco; Cerrina e Cappasanta. “L’accordo che abbiamo chiuso con la Prefettura – spiega il sindaco Josca – punta al potenziamento della sicurezza urbana, compresa la tutela dell’ambiente, su tutto il territorio di Albanella. Particolare rilevanza sarà dato al servizio di vigilanza sulle vie di accesso e uscita dal comune e nelle aree storicamente più sensibili. Puntiamo a ridurre la criminalità predatoria e a promuovere il rispetto del decoro urbano”.

C.S.

 

Agropoli, arrivano le telecamere Rai ad Agropoli

 

AGROPOLI BLITZ PROSTITUZIONE
Sabato 24 marzo, le telecamere Rai saranno ad Agropoli. A partire dalle ore 11,00 saranno presenti due troupes per fare delle riprese, in particolare, presso il castello angioino aragonese e la scalinata di via Filippo Patella. Sarà possibile rivedere le immagini nell’ambito di un programma che andrà in onda a maggio 2018 su Rai Due, in concomitanza con il Giro d’Italia. La Città di Agropoli sarà inserita, infatti, nel programma dal titolo “Viaggio nell’Italia del Giro” che vedrà l’inserimento di una serie di località di interesse turistico e non solo, tra le quali Praia a Mare e Montevergine di Mercogliano. Verrà utilizzato l’evento ciclistico quale strumento di narrazione della provincia italiana dal punto di vista culturale ed antropologico, alternando incontri con personaggi significativi dei vari territori a quelli con la gente comune. Ad Agropoli sarà l’occasione per intervistare lo scrittore e sceneggiatore Andrea Cedrola. Saranno presenti per l’Amministrazione comunale, il Sindaco Adamo Coppola e il presidente della Commissione Cultura, Francesco Crispino.

C.S.

Agropoli, «telecamere di videosorveglianza pienamente operative»: il Sindaco Coppola smentisce le notizie false diffuse da alcuni organi di stampa

AGROPOLI TELECAMERE DI VIDEOSORVEGLIANZA

In merito alle notizie diffuse da alcuni organi di stampa, relativamente alle telecamere presenti sul territorio del Comune di Agropoli, si precisa che le stesse sono funzionanti. Sono solo cinque (su 42) quelle che al momento risultano fuori uso, a causa di un problema tecnico e, a tal proposito, già è stata contattata giorni fa, per le vie brevi, la ditta al fine di provvedere al loro ripristino. «Spiace constatare – afferma il Sindaco Adamo Coppola – che si proceda molto spesso, da parte di taluni, a fornire, senza verificarla, una informazione distorta, imprecisa, che rischia di procurare allarme ingiustificato nella popolazione. Mi sono preoccupato personalmente di controllare, proprio l’altro giorno, la funzionalità delle telecamere installate sul nostro territorio, recandomi nella Sala operativa sui cui video vengono trasmesse le immagini delle telecamere, presenti nel centro cittadino e nei diversi luoghi della nostra Città. E posso assicurare che tutto funziona perfettamente, tranne un esiguo numero di apparecchiature, che verranno ripristinate al più presto». Di notevole importanza tali dispositivi che – come fa sapere il Comando di Polizia municipale – sono state utilizzate, in passato, e vengono consultate ogni giorno quale: ausilio ad indagini di ogni genere; per individuare malfattori; per violazioni al Codice della Strada; in caso di sinistri stradali; per individuare autori di danneggiamenti di auto in sosta. Le immagini sono disponibili per tutte le forze dell’ordine e proprio negli ultimi giorni, sono state anche richieste e fornite ad un Comune limitrofo. Quanto al numero di furti, il primo cittadino precisa: «ho appreso direttamente dalle forze dell’ordine che sono una decina i furti denunciati dal primo gennaio 2018 ad oggi. Quindi – come ho già avuto modo di dire nell’incontro tenutosi con i residenti di località Mattine, l’altro giorno – siamo preoccupati anche se si verifica un solo furto, perché si va a turbare la tranquillità del singolo e si crea preoccupazione, ma parlare di ondate di furti senza precedenti, significa affermare il falso». In ultimo, l’Amministrazione comunale di Agropoli ha richiesto già negli anni scorsi, e a più riprese, l’istituzione di un Commissariato di Polizia. Nei giorni scorsi, ha ricevuto la richiesta del Sindacato di Polizia, per chiedere al Ministero competente l’istituzione di un Commissariato nel Cilento: nei prossimi giorni la richiesta verrà approvata in Giunta, quindi passerà al vaglio del Consiglio Comunale per l’ok definitivo.

C.S.

Cilento, al via il progetto Mercurio: nuove telecamere di videosorveglianza per prevenire gli incendi

Incendi-russia.jpg
Un sistema integrato di telecamere sul territorio per l’avvistamento di incendi: è quanto previsto dal cosiddetto Progetto Mercurio con l’obiettivo di avvistare e prevenire gli incendi che spesso, in particolare nel periodo estivo, martoriano il territorio del Cilento. Il progetto che fu ammesso a finanziamento sul Por Campania Fesr 2007-2013 nel Marzo del 2009, ha subito diversi ritardi per il suo completamento. La gara, aggiudicata poi il 19 Giugno 2013 prevedeva che i lavori venissero conclusi entro un anno cosa mai avvenuta. Così’ per non rischiare di perdere l’intero finanziamento derivante dai fondi del Por Campania, l’Ente Parco ha determinato un taglio dei costi rispetto all’importo iniziale del progetto pari a circa 240mila euro.Ciò ha comportato di conseguenza un taglio sensibile anche delle telecamere che dalle 106 previste si sono ridotte a 77 per consentire quanto prima il termine dei lavori. Le zone più a rischio saranno così controllate dalle nuove videocamere di sorveglianza come il sentiero della Molpa a Palinuro. Due sono invece le sale controllo operative per la supervisione delle telecamere e l’eventuale allarme da lanciare agli organi preposti: saranno adibite in località Montisani, presso il Centro di biodiversità, e alla Comunità montana Gelbison, a Vallo della Lucania. A giorni partirà il progetto e ad annunciarlo è il presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni Tommaso Pellegrino che ha così commentato:”gli incendi sono una delle piaghe che abbiamo nel nostro territorio – spiega il Presidente – intervenire in modo tempestivo significa poter salvare tanta macchia mediterranea – continua- significa salvare tanta preziosità che c’è nel nostro territorio”.

REDAZIONE

Albanella, Josca: “Telecamere contro incivili”

260px-Albanella_Panorama.jpg
Pugno duro dell’amministrazione comunale del sindaco Renato Josca contro il degrado riscontrato nelle zone esterne ad alcune scuole comunali. Il primo cittadino, con una nota inviata all’Ufficio Tecnico comunale, ha chiesto la messa in atto di adempimenti urgenti in materia di tutela e decoro delle strutture comunali.

Ecco la nota del sindaco Josca
“Facendo seguito ad un sopralluogo effettuato nei pressi delle strutture scolastiche di Albanella e Matinella ed in alcune zone del territorio comunale, è emersa una situazione di inqualificabile degrado dei muri e delle zone circostanti ai detti edifici, imbrattate da rifiuti organici e da scritte indecorose, che rendono estremamente difficile ed insostenibile la presenza di bambini e ragazzi. Tutto ciò ravvisa l’assoluta necessità di rendere più efficace l’azione deterrente rispetto ad alcune condotte illecite di particolare disvalore sociale, nell’ambito del ruolo prioritario assunto dall’Ente comunale di salvaguardia e tutela dei valori rientranti nel concetto di “tutela del territorio e decoro urbano” , intesa quale insieme di beni pubblici preordinati al rispetto delle norme che regolano la vita civile, al fine di migliorare le condizioni di vivibilità degli ambienti urbani e la civile convivenza. Pertanto, si richiede all’ufficio in indirizzo di predisporre, urgentemente, tutti gli atti necessari a potenziare l’installazione di videocamere davanti agli edifici scolastici di Albanella e Matinella, nelle strade di accesso e di uscita al territorio comunale, nell’area antistante al cimitero e nelle zone dove è più frequente l’abbandono dei rifiuti. Tanto per scoraggiare ed al tempo stesso individuare gli esecutori dei predetti atti vandalici e di eventuali furti e rendere sicura e serena la permanenza in tali luoghi dei ragazzi delle scuole, della collettività e migliorare la qualità della vita”.

C.S.

Agropoli: in località Trentova sarà potenziato il sistema di videosorveglianza

baiaTrentovastrada

Troppi furti e atti vandalici a danno di auto parcheggiate nell’area di Trentova: il comune di Agropoli pronto ad installare una serie di telecamere di videosorveglianza a vigilare l’area. Il 21 ottobre 2015, infatti, nella Casa Comunale regolarmente convocata, si è riunita la Giunta Comunale con i vari organi amministrativi tra cui   il  primo cittadino Franco Alfieri, il quale ha dato mandato al Responsabile dell’Area Lavori Pubblici – Porto e Demanio, quale atto di indirizzo, di attivare le procedure necessarie per lo studio del posizionamento di ulteriori telecamere nella zona di Trentova, al fine di garantire la sicurezza e scongiurare furti ed atti di vandalismo. L’area della famosa baia, uno dei posti più belli del Cilento, è già stata interessata dall’installazione di due telecamere con fondi “Pon sicurezza per lo sviluppo”, con il comune di Agropoli che ha munito il territorio di un sistema di videosorveglianza grazie all’installazione di 30 telecamere, che però ancora non sono state attivate. Nella delibera  si legge che all’amministrazione comunale «sono pervenute diverse lamentele dei cittadini a seguito di furti e di atti di vandalismo subiti proprio nella zona di Trentova; di qui la decisione di Alfieri, secondo il quale è necessario potenziare il servizio di videosorveglianza nella zona di Trentova».

C.S.