AGROPOLI, RESOCONTO INCONTRO AMMINISTRAZIONE COMUNALE E COMMERCIANTI

Annunci

MIUR E UNIVERSITÀ DI SIENA PER LA VALORIZZAZIONE DI PAESTUM

letta-paestum-niente-matrimoni

Il mito è un tema sempre attuale – commenta il direttore Gabriel Zuchtriegel – presente nelle citazioni e nel linguaggio anche dei più giovani, nell’arte e nella letteratura: fa parte della nostra vita quotidiana”.

E a Paestum prende vita il progetto Officina Paestum l’antico fa testo: 10 appuntamenti per entrare nella rappresentazione teatrale del mito, attraverso laboratori didattici, percorsi e spettacoli teatrali, a partire dal 19 ottobre e fino al 16 dicembre 2018.

Il debutto è affidato al museo di Hera Argiva, alla foce del Sele, che riapre le porte -dopo 4 anni- con laboratori didattici dedicati agli studenti delle scuole superiori.

Aperti a tutti: i percorsi teatralizzati sul tema de Le Metamorfosi di Ovidio – nel bimillenario dalla morte del poeta- nell’Area archeologica; gli spettacoli di teatro e danza nel Museo di Paestum

OFFICINA PAESTUM è la manifestazione realizzata nell’ambito delle attività de “L’antico fa testo”, un progetto patrocinato dal MIUR e dal Centro di Antropologia del Mondo Antico dell’Università di Siena, con la direzione artistica di Francesco Puccio, che prevede percorsi didattici e teatrali che hanno come finalità la realizzazione di drammaturgie originali capaci di creare un ponte culturale tra il mondo antico greco e quello moderno e contemporaneo e, come obiettivo più ampio, la diffusione della cultura e della tradizione classiche.

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, ATTI SESSUALI ALL’INTERNO DELLA PINETA . SANZIONATI DUE UOMINI

 6_pineta.jpg

Ancora un importante attività di contrasto alla prostituzione lungo la fascia pinetata di Capaccio Paestum da parte del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, guidato dal comandante Antonio Rubini. Gli agenti hanno sorpreso due uomini, entrambi della Provincia di Salerno e non residenti a Capaccio Paestum, mentre erano intenti a consumare atti sessuali all’interno della pineta, nei pressi di Foce Sele. È stata applicata nei confronti di entrambi una sanzione amministrativa. Tale attività è stata fortemente voluta dal consigliere con delega alla Sicurezza Urbana, Pasquale Accarino, che commenta così: «È un fenomeno contro il quale ci stiamo battendo con controlli mirati, che avvengono quotidianamente, con l’obiettivo di debellarlo definitivamente così da consentire ai nostri cittadini e ai turisti di usufruire, nel caso specifico, dell’area pic-nic, nei pressi della quale sono stati sorpresi i due, o in ogni caso della fascia pinetata».

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, ATTIVITA’ DI CONTRASTO ALLA PROSTITUZIONE

http_i.huffpost.comgen2094560imagesn-PROSTITUZIONE-628x314

Ancora un importante attività di contrasto alla prostituzione lungo la fascia pinetata di Capaccio Paestum da parte del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, guidato dal comandante Antonio Rubini.

Gli agenti hanno sorpreso due uomini, entrambi della Provincia di Salerno e non residenti a Capaccio Paestum, mentre erano intenti a consumare atti sessuali all’interno della pineta, nei pressi di Foce Sele. È stata applicata nei confronti di entrambi una sanzione amministrativa.

Tale attività è stata fortemente voluta dal consigliere con delega alla Sicurezza Urbana, Pasquale Accarino, che commenta così: «È un fenomeno contro il quale ci stiamo battendo con controlli mirati, che avvengono quotidianamente, con l’obiettivo di debellarlo definitivamente così da consentire ai nostri cittadini e ai turisti di usufruire, nel caso specifico, dell’area pic-nic, nei pressi della quale sono stati sorpresi i due, o in ogni caso della fascia pinetata».

C.S.

CAPACCIO PAESTUM, TICKET D’INGRESSO PER I BUS TURISTICI NELLA ZONA ARCHEOLOGICA

Il-parco-archeologico-di-Paestum

Regolamentare l’accesso all’area archeologica di Paestum ai bus turistici. La Giunta comunale, su proposta della Commissione Turismo, Spettacolo e Beni Culturali, ha deliberato il via libera alla regolamentazione dell’accesso dei bus turistici nel perimetro della zona archeologica, così come delineato e sancito dalla legge 220/1957.Nello specifico, i bus da 54 posti dovranno pagare 50€ e quelli fino a 30 posti 30€.Il pagamento della tassa turistica degli autobus che si recano nell’area archeologica  potrà essere corrisposto sia in modalità online, sul sito istituzionale dell’Ente, sia direttamente presso i parcometri presenti nell’area archeologica.La proposta, ora, dovrà completerà il suo iter in Consiglio comunale per l’approvazione definitiva.Nella stessa delibera di Giunta, inoltre, è stata stabilita la tariffa oraria per la sosta dei bus turistici nei parcheggi P2 (Stazione FF.SS) e P3 (Ex Cirio) che è di 2,50€  per ogni ora o frazione di ora, per tutti i giorni della settimana.

c.s.

 

CASTEL SAN LORENZO, ARRESTATO PER AGGRESSIONE E LESIONI PERSONALI

carabinieri-2

I Carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretti dal Capitano Francesco Manna, nella giornata del 14 ottobre 2018, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare applicativa detentiva in regime degli arresti domiciliari emessa dall’Ufficio del G.I.P. del Tribunale di Salerno, nei confronti di un 66enne di Castel San Lorenzo.

La misura di aggravamento è stata emessa in quanto, lo stesso, già destinatario del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, lo scorso 10 ottobre violava la citata prescrizione.

La vicenda trae origine all’inizio del mese di ottobre, quando, il 66enne brandendo un bastone in ferro, per futili motivi, aggrediva un noto medico del posto, colpendolo alla testa ed in vari parti del corpo.

I militari della locale Stazione, che hanno datato esecuzione al provvedimento, dopo le formalità di rito hanno sottoposto l’arrestato agli arresti domiciliari presso la propria abitazione dove dovrà espiare la condanna.

C.S.

TURISMO, BOOM DI PRESENZE ALLO STAND DI CILENTOMANIA PRESSO IL TTG TRAVEL EXPERIENCE DI RIMINI

image001

L’industria turistica italiana esce dalle giornate riminesi con l’ottimismo dei numeri di un 2018 positivo, con la rinnovata consapevolezza di poter incidere sui mercati mondiali grazie alle sue imprese eccellenti, con la coscienza di poter disporre degli strumenti utili ad accelerare ancora nel 2019.

In questo contesto più che positivo si è inserito il Cilento, promozionato dall’Associazione Turistica Cilentomania con l’impegno costante e la passione di chi ha fatto della promozione territoriale la propria mission istituzionale.

Lo staff di Cilentomania ha accolto, infatti, quanti hanno visitato il suo stand ‘Benvenuti nel Cilento’, con il quale ha partecipato al TTG Travel Experience di Rimini, fornendo loro materiale informativo sul territorio, sulle sue bellezze storico, artistiche e naturalistiche e sui suoi affascinanti borghi.

Nelle tre intense giornate del TTG Travel Experience, si sono susseguiti allo stand di Cilentomania numerosi operatori del settore (oltre 200 i contatti presi), ma anche molti visitatori affascinati dal Cilento i quali, oltre a richiedere materiale informativo hanno instaurato con lo staff di Cilentomania un dialogo volto alla conoscenza di un territorio ancora non ben conosciuto.

Gli operatori che si sono avvicendati allo stand di Cilentomania hanno palesato di essere alla ricerca di una destinazione nuova da proporre, dove il turismo non è più “cosa mi offri” ma “come mi fai sentire. Non una semplice destinazione, dunque, ma un luogo in cui poter far vivere al visitatore delle emozioni.

Con alcuni operatori, già in fiera lo staff di Cilentomania ha istaurato un rapporto di collaborazione, sviluppando dei programmi di viaggio che sono già stati proposti ai loro clienti.

Grande successo ha riscosso il comparto wedding, ma anche il settore naturalistico e il turismo emozionale, volto alla riscoperta delle tradizioni locali, da vivere e da scoprire a diretto contatto con il territorio.

Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è stato presentato attraverso foto e video promozionali che ne hanno messo in risalto il fascino e soprattutto la sua variegata offerta turistica, presentandolo come un territorio dalle potenzialità illimitate, in cui il turismo si pratica 365 giorni all’anno.

Il successo delle giornate riminesi è da ascrivere sicuramente alla professionalità dello staff di Cilentomania, che, da esperto conoscitore del territorio, ha presentato dettagliatamente la sua offerta turistica, varia e diversifica.

Nel corso della manifestazione sono apparsi più chiari che mai i requisiti per decollare verso un nuovo protagonismo: conoscenza del mercato e delle tendenze nel medio periodo, conseguente innovazione nella proposta, tempestività nell’applicare le relative strategie di sviluppo. Azioni che le giornate di fiera intense, all’insegna del business e dell’alta formazione, hanno fortemente stimolato.
Nel segno della concretezza si è chiusa, dunque, la Fiera di Rimini, l’appuntamento con il marketplace turistico leader in Italia e fra i top d’Europa.

Bilancio più che positivo, dunque, per l’industria turistica italiana e per il Cilento, la cui offerta turistica diversificata, ha attirato l’attenzione di operatori turistici italiani e stranieri, gettando le basi per collaborazioni proficue per l’intero territorio.

C.S.

Cilento,Pellegrino accoglie favorevolmente la proposta di uno screening sulla presenza di glifosato

hqdefault

Il Presidente del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Tommaso Pellegrino, accoglie positivamente la recente proposta lanciata dal Meetup Amici di Beppe Grillo – Attivisti Sala Consilina, attraverso Giuseppe Di Giuseppe, di farsi promotore di un progetto che preveda lo screening, da eseguire su un campione di popolazione residente nel Vallo di Diano attraverso un esame chimico-fisico e microscopico delle urine, per accertare l’eventuale presenza di glifosato.

Come si sa il glifosato è uno dei diserbanti più venduti al mondo, giudicato inizialmente come cancerogeno dall’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro e successivamente declassato a “probabilmente cancerogeno”, nonostante l’esistenza di studi indipendenti che ne hanno evidenziato la pericolosità. Il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è stato il primo Ente Parco in Italia a mettere al bando questa sostanza nel territorio di competenza. All’inizio del 2018, infatti, il Consiglio Direttivo, attraverso un’importante delibera, ha letteralmente vietato l’utilizzo di erbicidi sistemici a base di glifosato.

“Sono pienamente favorevole alla proposta giunta attraverso la lettera del Meetup Amici di Beppe Grillo – Attivisti Sala Consilina, – afferma il Presidente Pellegrino – innanzitutto perché per ciò che concerne il glifosato siamo stati il primo Parco a vietarne l’utilizzo, dando una decisiva risposta in tal senso. Inoltre di recente un’ulteriore delibera del Direttivo mira a limitare l’uso di prodotti chimici di sintesi in agricoltura nel territorio di competenza e invita i Sindaci ad adottare analoghi provvedimenti”.

Aperto alla proposta del Meetup, Pellegrino annuncia:”A breve ho intenzione di incontrare i rappresentanti del Meetup per discutere dell’argomento e pensare ad una campagna di monitoraggio, coinvolgendo anche altri Enti e l’Asl per valutare le azioni da intraprendere. Naturalmente sarà necessario, a questo proposito, verificare la fattibilità di uno screening realmente efficace come quello di cui siamo chiamati a farci promotori”.

C.S.

Roccadaspide, “Puliamo il mondo” approda al Parco della Concordia

Grande entusiasmo e partecipazione a Roccadaspide per l’edizione 2018 di “puliamo il mondo”, la manifestazione ambientalista di Legambiente nata come prosecuzione dell’evento Internazionale “Clean up the world”. La manifestazione, frutto della collaborazione tra amministrazione comunale e istituto comprensivo, ha coinvolto gli studenti e si è svolta presso il Parco della Concordia, il cuore verde della città diventato il simbolo dell’attenzione e del rispetto per l’ambiente: valori da tempo insiti nella comunità rocchesi.
Con il kit fornito da Legambiente composto da pettorina, scope e palette, gli alunni hanno ripulito simbolicamente il parco da rifiuti abbandonati da cittadini “distratti”, dimostrando ancora una volta la loro capacità di capire l’importanza di corrette pratiche a tutela della pulizia e del decoro dell’ambiente. Anche in questa occasione Roccadaspide ha confermato i comportamenti virtuosi che hanno permesso alla città di conquistare e mantenere il primato di città con la più alta percentuale di raccolta differenziata in Italia. Un primato sancito qualche mese fa dal riconoscimento ritirato a Roma dal sindaco Gabriele Iuliano di comune ricicloni. Infatti con il 75,2%, Roccadaspide si è classificato primo tra i comuni Campani tra i 5mila e i 10mila abitanti per la raccolta differenziata nel 2017: un risultato che premia l’incessante impegno di cittadini e amministratori.

C.S.