CORONAVIRUS, IL BOLLETTINO DELLA REGIONE CAMPANIA

FB_IMG_1586032478197

L’Unità di Crisi della Regione Campania comunica che sono pervenuti i seguenti dati:

  • Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati 569 tamponi di cui 52 positivi;
  • Ospedale Ruggi di Salerno: sono stati esaminati 184 tamponi di cui 14 positivi;
  • Ospedale Sant’Anna di Caserta: sono stati esaminati 73 tamponi di cui 3 positivi;
  • ASL di Caserta presidi di Aversa e Marcianise: sono stati esaminati 119 tamponi di cui 21 positivi;
  • Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati 136 tamponi di cui 5 positivi;
  • Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 26 tamponi di cui 17 positivi;
  • Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 72 tamponi di cui 11 positivi;
  • Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 396 tamponi di cui 9 positivi;
  • Ospedale San Pio di Benevento: sono stati esaminati 29 tamponi di cui nessuno positivo;
  • Ospedale di Eboli: è stato esaminato 1 tampone risultato negativo.

Positivi di oggi: 132
Tamponi di oggi: 1.605

C.S.

Agropoli, pronti per aprire

FB_IMG_1586023674916

Ottime notizie dall’ospedale! I lavori di adeguamento sono terminati. Per la manutenzione sono stati spesi circa 300.000 euro. Sono state consegnate le apparecchiature elettromedicali, tra le quali ventilatori polmonari (circa 700.000 euro); meno di 70.000 euro è stato il costo di macchinari per l’insufficienza respiratoria; circa 300.000 euro per altre attrezzature sanitarie. Quasi 1,4 milioni di euro. Finalmente fatti, numeri, lavori e ora presto con il personale per una struttura che è diventata una realtà per oggi e lo sarà anche per il futuro

C.S.

AGROPOLI, EMERGENZA CORONAVIRUS. LA PORTA: “IN QUESTO MOMENTO NON CI DEVE ESSERE MINORANZA O MAGGIORANZA”

maxresdefault

 In diretta sulla nostra emittente è intervenuto il Presidente del Consiglio comunale di Agropoli Massimo La Porta. Sono stati vari gli argomenti dei quali ha parlato, tra cui l’emergenza che stiamo vivendo, l’operato della politica agropolese in questa situazione e anche di ricerca sul Covid-19.

 “Una crisi inaspettata che ci fa riflettere, soprattutto ora che stiamo a casa” La Porta così definisce la grave emergenza che il paese sta affrontando. “In anni di frenetica corsa non abbiamo riflettuto molto sulla realtà. Con quello che sta accadendo a livello mondiale nessun sistema sanitario può reggere.”

 Il Presidente del Consiglio comunale ha fatto anche i complimenti a tutte le autorità che stanno affrontando in modo ottimale l’emergenza ad Agropoli: “Faccio i complimenti al Sindaco Coppola che con il suo staff lavora 16-18 ore al giorno. Ringrazio per il loro operato Forze dell’Ordine, dipendenti comunali, Protezione civile e Croce rossa.”

 Inoltre ha colto l’occasione per chiarire anche la posizione attuale della politica agropolese: “Tutti i gruppi consiliari sono col Sindaco, siamo tutti in linea. Non ci sono polemiche, ognuno dice la sua ma remiamo tutti nello stesso verso, in questo momento non ci deve essere minoranza o maggioranza. Dobbiamo portare avanti un progetto che ci farà vincere.”

 E infine parla anche della ricerca riguardante il Coronavirus: “Come Comune siamo pronti a sostenere la pubblicazione internazionale del ricercatore cilentano e biologo, il dottor Aldo Giudice, e del dottor Giovanni D’Arena riguardo la terapia per contrastare il virus. Il Comune di Agropoli crede in questa pubblicazione. Conosco personalmente il dottor Giudice e posso garantire che lavora sulla ricerca da 30 anni, ed è un dipendente del Pascale di Napoli. La ricerca che stanno portando avanti sarà una soluzione migliorativa alle terapie attuali e riguarda la cellula aggredita dal virus, il calcio. La terapia di inibizione del calcio già sta dando i primi segnali.”

PASQUALE D’AGOSTINO

Emergenza Covid-19, Fortunato chiede blocco autostradale

Giovanni-Fortunato-1

 

In una lettera inviata dal Sindaco del Comune di Santa Marina Giovanni Fortunato al Governatore della Campania Vincenzo De Luca, il primo cittadino esprime la necessità di intensificare i controlli autostradali, per cercare di contenere la diffusione di contagi da Coronavirus nel territorio.

Nella lettera si legge:  

Come Le sarà certamente noto, continuano ad arrivare, con provenienza da tutte le parti d’Italia cittadini che fanno rientro nei vari comuni della Campania. Ho avuto modo di constatare, con particolare riferimento ai cittadini rientrati nel Comune che ho l’onore di rappresentare, che la gran parte viaggia attraverso percorsi autostradali dove è praticamente inesistente ogni controllo da parte delle forze dell’ordine. Mi corre obbligo di segnalare che si rendono necessari controlli capillari nei pressi dei caselli autostradali della nostra regione, con presenza costante di forze dell’ordine e, se necessario con la presenza dell’esercito.

Una libera circolazione sulle arterie autostradali vanifica di fatto tutte le misure restrittive adottate per contenere la pandemia in atto nel nostro paese ed in particolare nella nostra regione, oltre che vanificare l’impegno che noi Sindaci profondiamo ogni giorno, con il poco personale a disposizione, per proteggere il nostro territorio e i nostri cittadini dal rischio di un contagio incontrollato. Serve a poco blindare le nostre città se la minaccia ci viene da lontano e lasciamo che le nostre autostrade possano essere liberamente fruite, senza alcun tipo di controllo ai caselli.

Certo che la S.V. provvederà in te senso, Le porgo deferenti ossequi.

c.s.

COVID-19, GARANTIRE LA SALUTE, GARANTIRE IL PANE” DALLA REGIONE CAMPANIA 604 MILIONI CONTRO LA CRISI

91851870_10157911892868257_6625093629398482944_o

CORONAVIRUS: con il contributo delle proposte pervenute da istituzioni locali, gruppi politici, organizzazioni sociali, sindacali e imprenditoriali, istituzioni bancarie, volontariato e organizzazioni religiose abbiamo definito il Piano Socio-Economico della Regione Campania contro la crisi.

Vengono stanziati oltre 604 milioni di euro.

Tra le misure principali assunte segnaliamo:

1️⃣ Contributo alle famiglie con disabili
2️⃣ Pensioni al minimo portate a 1.000 euro per due mesi
3️⃣ Contributo di 2.000 euro alle imprese commerciali, artigiane e industriali;
4️⃣ Bonus a professionisti e lavoratori autonomi;
5️⃣ Bonus alle aziende agricole e delle pesca;
6️⃣ 30 milioni per il comparto del turismo.

Qui potete scaricare e consultare il Piano Socio-Economico della Regione Campania

http://www.regione.campania.it/…/piano-socio-economico-regi…

c.s.

Covid 19. Al Campolongo Hospital l’omaggio delle Forze dell’Ordine a malati e sanitari

Momento di particolare emozione venerdì pomeriggio al Campolongo Hospital, quando uomini  appartenenti ai corpi di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Municipale, Vigili  del Fuoco e Protezione Civile, hanno fatto suonare le sirene dei loro automezzi nello spiazzale  d’ingresso della casa di cura ebolitana, in segno di saluto agli ammalati e ai sanitari, medici e  infermieri, che lottano contro il Covid 19.
Nei giorni scorsi, infatti, nella struttura ebolitana, sono giunti alcuni anziani affetti dal virus,  precedentemente ospiti di una casa di accoglienza a Sala Consilina.
Presente alla cerimonia il sindaco di Eboli Massimo Cariello, che ha inteso ringraziare i vertici  della struttura sanitaria per l’apporto prezioso in questa delicata fase della lotta al contagio, e far  sentire la vicinanza dell’Amministrazione di Eboli ai sanitari e agi anziani ricoverati.
Il direttore generale Gianfranco Camisa ha così ringraziato per il gesto compiuto dalle Forze  dell’Ordine: “A nome mio, del Consiglio di Amministrazione e di tutti i collaboratori, in quetso momento impegnati in questa difficile sfida, ringrazio le Forze dell’Ordine per questo gradito omaggio, e per quello che tutti i giorni fanno per tutelare la nostra sicurezza. Come sempre, nei momenti di difficoltà, il Campolongo Hospital risponde presente ed è sempre al fianco dei pazienti e di chi ne ha bisogno. I momenti di difficoltà bisogna superarli tutti insieme, uniti, e sono certo che
anche questa volta ce la faremo”. La breve cerimonia si è conclusa con la benedizione del cappellano del Campolongo Hospital, seguita da un lungo applauso rivolto ancora una volta ai medici e agli ammalati.
c.s.

VALLO DELLA LUCANIA, DONATE 200 TUTE MODELLO 500 XPERT TYVEX ALL’OSPEDALE SAN LUCA

Il Cilento Fuoristrada, nasce oltre 10 anni fà in un piccolo paesino del Cilento, San Mauro La Bruca, nasce dalla passione di un gruppo di Amici, che con gli stessi intendi fondarono il Club Cilento Fuoristrada.
Nel corso degli anni oltre alla passione per i fuoristrada, e a quello che gravità intorno, amicizia, aggregazione spirito di collaborazione, ci siamo resi conto, che la nostra “forza”, poteva essere utilizzata e messa a disposizione anche per altre cose, molto più importanti.
Ad esempio, alla salvaguardia e alla conoscenza del territorio, in aiuto della popolazione, in aiuto dell’Amministrazione e di chiunque ne avesse mai richiesto l’aiuto.
Nel corso degli anni, abbiamo partecipato attivamente, e in maniera risolutiva, alle varie calamità che hanno interessato il territorio, Incendi, neve, ghiaccio, frane e smottamenti, in qualsiasi situazione di emergenza, il Cilento Fuoristrada era pronto e presente sul territorio.

Abbiamo capito che era importante mettere a disposizione mezzi e uomini per la comunità, per la gente in qualsiasi modo avesse avuto bisogno.

In questo periodo, di enorme crisi sanitaria su tutto il territorio nazionale, a seguito del virus Covid19, ci siamo sentiti ancor di più, consapevoli e investiti della problematica, vedevamo che moriva gente giorno dopo giorno, e chi doveva curare i malati, non è che stava poi meglio.
Mancanza di attrezzature, guanti, mascherine, tute ed altro materiale sanitario.

Ecco perché ad unanimità tutti i Soci del Club, abbiamo promosso questa raccolta fondi https://www.gofundme.com/f/acquisto-materiale-x-personale-sanitario-di-vallo, e questa mattina abbiamo consegnano le prime 200 tute con cappuccio modello 500 XPERT Tyvek al personale della direzione  Sanitaria Vicenconte Michele, Antonio Tomei e al Capo Sala del Pronto Soccorso Arcangelo Paolino, oltre che all’equipe del Pronto Soccorso.

Non nascondiamo che non è stato facile, reperire, materiale certificato e soprattutto idoneo per questo tipo di emergenza, ma grazie al lavoro di tanti ci siamo riusciti. Nei prossimi giorni assisteremo ulteriori kit, su indicazioni degli operatori sanitari.

Un grazie a chi ha donato con il cuore attraverso la piattaforma GOFUNDME, ma soprattutto grazie di cuore a tutto il personale sanitario dell’Ospedale di Vallo, che sta lavorando senza lesinare una sola goccia di sudore.

C.S.

CASTELLABATE, SPINELLI: “NOSTRO PAESE A VOCAZIONE TURISTICA, SITUAZIONE COMINCIA A PESARE”

Costabile_Spinelli-foto (5)

Costabile Spinelli, Sindaco di Castellabate, fa il quadro della situazione nel paese da lui amministrato, parlando del lavoro svolto in quest’emergenza, delle ripercussioni sull’economia castellana, ma anche sulle questioni riguardanti l’ex Piano di Zona S7.

“Per fortuna a Castellabate non abbiamo avuto positività, ma abbiamo fatto un’azione molto forte di controllo sul territorio. La situazione comincia a pesare sulle attività commerciali, in un paese con una forte vocazione turistica, c’è preoccupazione sotto questo punto di vita. Un economia come la nostra fatta di flusso turistico, legata alla stagionalità, è fortemente compromessa già col ponte di Pasqua. Avrà una rilevanza negativa anche sull’occupazione. Questo è il tema su cui dobbiamo lavorare.” Queste le parole di Spinelli sulla situazione di Castellabate, che si trova ad affrontare non solo l’emergenza Coronavirus, ma anche le terribili conseguenze sul turismo.

E sulla proposta fatta al Piano di Zona S8 di distribuire ai comuni del piano sociale i fondi rimanenti dalla gestione dell’ex Piano S7 al fine di darli ai bisognosi si esprime così: “Non ho avuto risposta, ma i Sindaci condividono l’iniziativa. C’è una platea di persone in difficoltà che si è molto allargata. Ritengo che in questo momento si debba dare fondo a tutte le disponibilità economiche, c’è ancora questa situazione nel comune di Castellabate e ritengo che le risorse rimanenti possano essere date ai Comuni. Le risorse stanziate fino ad ora sono insufficienti, mettendone ulteriori a disposizione riusciamo a dare un segnale.”

Infine parla anche di solidarietà dell’Amministrazione e dei cittadini, citando il “cesto solidale”: “Questo dimostra l’altruismo e la generosità dei cittadini di Castellabate. Una bella iniziativa che abbiamo accolto con soddisfazione, ma è solo una delle tante, abbiamo ricevute tantissime donazioni, anche in forma anonima. Abbiamo acquistato 5mila mascherine anche grazie alle risorse che ci hanno donato. Inoltre stiamo consegnando pacchi alimentari a 70 famiglie e sospeso le riscossioni sui titoli esecutivi del Comune.”

Redazione