CASTELLABATE, GOVEDI 25 APRILE “FESTA DELLA LIBERAZIONE”

manifesto 25 aprile 2019_Castellabate.jpg

In occasione del 74° anniversario della Liberazione d’Italia, giovedì 25 aprile il sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli, deporrà una corona d’alloro davanti al monumento ai caduti che sorge sul porto di San Marco di Castellabate, alla presenza delle autorità religiose, civili e militari e dalla sezione locale dell’associazione dei marinai d’Italia. Il programma prevede il raduno in piazza G. Meola alle ore 9:45, la benedizione della corona di alloro in Piazza Comunale e il corteo verso il porto per la deposizione sul molo Velella.

Il Sindaco Costabile Spinelli dichiara in merito all’anniversario: «Il 25 aprile torna la festa della Liberazione, una data che rappresenta un passaggio fondamentale per la storia d’Italia. Un momento di riflessione importante che deve unire tutti gli italiani per guardare al futuro della Nazione mantenendo viva la memoria e per trasmettere alle giovani generazioni i valori di coesione e di unità»

C.S

 

Annunci

Sapri, perde tutto alle slot machine, poi rapina il gestore per recuperare i soldi  

 

Slot-Machine-Italia.jpg

E’ accaduto a cavallo tra domenica di pasqua e lunedì dell’Angelo durante i festeggiamenti che hanno tenuto accesa la città di Sapri. Un uomo di Padula, in vacanza a Sapri con la famiglia ospite da alcuni parenti della zona, a tarda notte si trova ancora nel punto Snai di Corso Garibaldi a Sapri. Il giovane ha passato la serata a giocare alle slot machine e, arrivato l’orario di chiusura, realizza di aver perso tutto. Quando il gestore della sala va per raccogliere i soldi dalle macchinette e chiudere il locale, il ragazzo rientra dentro e improvvisamente si avventa su di lui aggredendolo e sbattendolo contro una slot, nella colluttazione il giocatore riesce a sottrarre gran parte del ricavato delle giocate in contanti e si da alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Intervengono prontamente i Carabinieri, presenti a monitorare l’andamento delle serate sul lungomare di Sapri, immediatamente viene sentita la vittima e i testimoni e a partire dalle riprese a circuito chiuso si cerca di identificare il rapinatore che aveva agito d’impulso a volto scoperto. Dopo una notte di indagini serrate, i Carabinieri della Stazione di Sapri risalgono all’identità del reo e al luogo dove era ospitato. Nelle prime ore di luce di lunedì scatta il blitz a casa dell’uomo che viene trovato ancora a letto. Un accurata perquisizione permetteva di rinvenire tutta la refurtiva che era stata nascosta nella cantina di pertinenza. La refurtiva ammonta a 1625 euro in contanti e nr. 10 ticket riscuotibili per un totale di 280 euro circa.

Giasi Antonio. classe ’89,  già noto alle Forze dell’Ordine per reati analoghi, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto e trattenuto la notte presso le camere di sicurezza della Compagnia di Sapri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Lagonegro. In data odierna si svolgerà l’udienza di convalida del fermo. La refurtiva recuperata è stata riconsegnata al proprietario.

La conoscenza del territorio e la risposta immediata dei Carabinieri, hanno permesso di assicurare il reo alla giustizia in tempi molto brevi, dimostrando l’elevato livello di sicurezza della città di Sapri.

c.s.

 

Agropoli, Il sindaco fa chiarezza sulle scuole e sull’istituzione del commissariato di Polizia

58373394_846931702372720_2383168861676503040_n.jpg

 

Il sindaco Adamo Coppola è intervenuto, ancora una volta, sulla questione scuole e in merito all’istituzione di un commissariato di Polizia di Stato, ad Agropoli. «In primis – afferma – voglio chiedere di evitare polemiche strumentali, specie tra Istituzioni. Le Istituzioni collaborano tra di loro e insieme trovano soluzioni comuni, per il bene della nostra città».

Quindi entra nel merito delle presunte chiusure di scuole, in particolare della scuola “Santa Maria delle Grazie” e della scuola “Mozzillo”. «Con delibera del 4 aprile scorso – sottolinea – la giunta diede indicazioni agli uffici di fare delle verifiche per eventuali accorpamenti. Con nota del 16 aprile scorso, il responsabile dell’Ufficio Tecnico ha comunicato che rispetto alle diverse possibilità che si era chiesto di valutare, l’unico intervento realizzabile è lo spostamento delle tre aule della “Mozzillo” presso la nuova ala della scuola “Landolfi”. Altre situazioni non sono consigliate e quindi non ne faremo. Quindi, qualora tale operazione fosse necessaria, verrà vagliata dalla politica e dall’Istituzione scolastica e si deciderà, come promesso, insieme, sul da farsi».

Per venerdì 26 aprile, nell’Aula consiliare, si terrà un incontro pubblico per argomentare sul tema.

Per quanto concerne invece il commissariato di Polizia di Stato, Coppola ha chiarito di aver dato disponibilità alla sua attivazione sul territorio comunale. E’ stato fornito, sempre tramite delibera di giunta, disponibilità alla Questura e al Ministero di due potenziali sedi: la scuola “Mozzillo” di Piazza Mediterraneo e la sede della Croce Rossa, in viale Lombardia. Adesso attendiamo riscontri, da parte dei tecnici ministeriali che di concerto con i nostri, faranno la scelta, valutando tra i pro e i contro.

In entrambi i casi, la scelta definitiva sarà fatta insieme».

Infine, il sindaco si è detto tranquillo che il commissariato di Polizia di Stato sarà fatto ad Agropoli, sebbene ci siano stati altri Comuni che si sono fatti avanti per dare la loro disponibilità per ospitarlo: «la scelta di Agropoli non è stata certo casuale da parte del Ministero, ma è venuta a seguito della valutazione di tutta una serie di fattori, quindi su questo punto sono pienamente tranquillo».

C.S.